Cosa si mangia a Capodanno nel resto del mondo?

Cibi tradizionali e portafortuna: dagli involtini di foglie di mais ai maialini di marzapane, le usanze per San Silvestro.

Cosa si mangia a Capodanno nel resto del mondo?

Cosa si mangia a Capodanno nel resto del mondo? In Italia non c’è veglione senza lenticchie e cotechino, considerate portafortuna in vista dell’anno che verrà. Rigorosamente da consumare allo scoccare della mezzanotte, queste pietanze fanno ovviamente da appendice alla cena, per la quale non esiste un menu standard. Se siete ancora indecisi su cosa mettere a tavola a San Silvestro, qualche idea catturata in giro per il pianeta potrebbe essere illuminante. Nel mondo si dà il benvenuto al nuovo anno degustando zuppe di noodles, involtini di foglie di mais, maialini di marzapane e altro ancora.

Un gustoso antipasto è rappresentato dai tamales, i tradizionali involtini messicani preparati con un impasto di mais ripieno di carne e verdura, avvolti in foglie di pannocchia. Chi ha frequentato almeno una volta nella sua vita un ristorante sudamericano, non può non averli assaggiati (o quantomeno letti nel menu…). La preparazione è semplice e, in base alla quantità, si può scegliere se servirli prima della portata principale o come secondo. Senza volersi allontanare troppo, invece, in Argentina c’è molta Italia nel piatto tipico. Quello più atteso del 31 dicembre è il vitel tonè, un grande classico anche sulle tavole del Bel Paese.

Negli Stati Uniti va per la maggiore l’Hoppin’ John, un piatto a base di riso e fagioli. A scandire il menu della serata è però il motto che si traduce in “fagioli per i penny, verde per i dollari e pane di mais per l’oro”: come trasferirlo in cucina? A buon intenditor poche parole. Sarà infatti sufficiente servirsi di fagioli, cavoli, spinaci e pane di mais per sperare in un anno economicamente migliore.

Se siete amanti della cucina asiatica, in Giappone vanno per la maggiore i toshikoshi soba. Si tratta dei celeberrimi noodles che, a seconda della zona, vengono proposti in varianti diverse. Tornando nel Vecchio Continente, invece, si può scegliere di tutto e di più. In Spagna il rito propiziatorio per l’anno nuovo non richiede particolari abilità ai fornelli. Basta infatti mangiare 12 acini di uva (uno per mese) per confidare nella fortuna. Altrettanto semplice da rispettare è la tradizione turca, che consiste nella rottura di un melograno e nell’assaggio dei suoi chicchi.

In Belgio e Olanda ci vanno più pesanti. Qui il piatto tipico del Capodanno sono le Oliebollen, ossia palline di pasta fritta condite con uvetta e ribes, oppure con scorza d’arance candite. Non troppo diversa è l’usanza georgiana: i gozinaki sono infatti dolci fatti di frutta secca caramellata. Austria e Germania affidano invece la buona sorte ai marzipanschwein, i maialini di marzapane, Norvegia e Danimarca rispondono con la Kransekake, una torta multistrato. Se volete sentirvi scandinavi, però, fate attenzione alle date: questo dolce va preparato rigorosamente con un giorno d’anticipo. La decorazione è invece soggettiva e lascia spazio alla fantasia: dalle bandierine ai nastri, senza mai dimenticare la glassa.

(Foto: Getty Images)

Webradio

RMC Hits
 
RMC Italia
 
RMC VIP Lounge
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo R&B
 
RMC Love Songs
 
RMC Great Artists
 
RMC 80
 
RMC 90
 
RMC Marine
 
RMC Cool
 
RMC New Classics
 
Radio Monte Carlo Acoustic
 
Radio Monte Carlo Voyage Voyage
 
Radio Monte Carlo Disco Funk
 
Romantic Rock
 
RUNNING RADIO
 
RMC Party
 
GYM RADIO
 
rmc
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Giorgia
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Bau & Co
 

Radio Monte Carlo sempre con te

Disponibile su