Ucraina: ecco i siti UNESCO in pericolo

Dalla cattedrale di Santa Sofia a Kiev alle chiese in legno nella regione dei Carpazi, ecco i patrimoni artistici ucraini da proteggere dalla guerra

Ucraina : ecco i siti UNESCO in pericolo

Quanto sta succedendo in Ucraina è sotto gli occhi di tutti, con un fardello di vite spezzate e di distruzione. Nel mirino, ormai è chiaro, non ci sono solo obiettivi militari e in questo contesto, quanto a lungo e in che condizioni possono resistere monumenti, luoghi di cultura e siti storici? L’UNESCO sembra essersi data una risposta: poco. Per questo si è mobilitata per inserirli sotto l'emblema della Convenzione dell'Aja del 1954, nata proprio per proteggere i beni culturali, in caso di conflitto armato.

Dal 2020 sette siti ucraini, sei culturali e uno naturale, sono nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Tra questi ci sono chiese, foreste secolari e un centro storico.

La magnifica cattedrale di Santa Sofia a Kiev (in foto), orgoglio e vanto della capitale, con le sue cupole in oro e verde, gli edifici monastici e il monastero delle grotte di Kiev; il centro storico di Lviv o Leopoli; l’Arco geodetico di Struve, catena di triangolazioni geodetiche che vanno da Hammerfest in Norvegia al Mar Nero, attraversando 10 nazioni, ideata e utilizzata dallo scienziato baltico-tedesco Friedrich Georg Wilhelm von Struve, per determinare le esatte forme e dimensioni della Terra. Ci sono le faggete primordiali e le foreste secolari dei Carpazi; la residenza dei metropoliti bukovini e dalmati a Cernivci, con la sua Cappella di S. Ioan cel Nou di Suceava; le chiese in legno nella regione dei Carpazi; l’antica città di Tauric Chersoneso e la sua Chora.

Tre i beni immateriali, riconosciuti dall’UNESCO come parte della cultura e tradizione radicata nel Paese. La pittura di Petrykivka, decorazione tipica del villaggio di Petrykivka a Podniprovia, caratterizzata da fantasiosi disegni floreali e altri motivi naturali, ricchi di simbolismi, con cui la popolazione è solita adornare le case, gli oggetti di uso quotidiano e gli strumenti musicali.

L’UNESCO ha riconosciuto patrimonio mondiale immateriale anche le canzoni cosacche, che narrano campagne, battaglie e storia di vita vissuta. Infine, ricordiamo la tradizionale ceramica dipinta di Kosiv, originaria del XVIII secolo nei villaggi di Hutsulshchyna, che si contraddistingue per la base di argilla bianca e i disegni in soli tre colori: verde, giallo e marrone, a simboleggiare rispettivamente le montagne, il sole e la terra. I motivi raffigurati esprimono la storia, la vita, il folclore, le credenze e le tradizioni degli Hutsul, un gruppo etnico-culturale che vive nella Rutenia carpatica,  nonché la flora e la fauna della regione circostante.

(foto Getty Images)

 

Webradio

Radio Monte Carlo Summer
 
Radio Monte Carlo Jazz
 
RMC Hits
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Italia
 
RMC VIP Lounge
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Monte Carlo R&B
 
RMC Love Songs
 
RMC Great Artists
 
RMC 80
 
RMC 90
 
RMC Marine
 
RMC Cool
 
RMC New Classics
 
Radio Monte Carlo Acoustic
 
Radio Monte Carlo Voyage Voyage
 
Radio Monte Carlo Disco Funk
 
Romantic Rock
 
RUNNING RADIO
 
RMC Party
 
GYM RADIO
 
Planet
 
rmc
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Giorgia
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Franco Battiato
 
Radio Bau & Co
 

Radio Monte Carlo sempre con te

Disponibile su