Non mentire: dal 17 febbraio in onda su Canale 5 in prima serata l’emozionante serie tv

Alessandro Preziosi e Greta Scarano protagonisti di una vicenda appassionante. Guarda in anteprima l’inizio dell’imperdibile fiction!

E’ una storia emozionante e ricca di colpi di scena e dettagli inattesi quella di “Non mentire”, la serie tv in onda in prima serata su Canale 5 dal 17 febbraio.

A interpretarla Alessandro Preziosi e Greta Scarano, nei panni dell’affascinante chirurgo Andrea e della affermata insegnante liceale Laura. Due personaggi stimati e irreprensibili. Ma, come rivela il sottotitolo della fiction, “Ognuno ha la sua verità”. Così, quando Alessandro e Laura passano una serata insieme, la loro verità non potrebbe essere più diversa: perché il mattino dopo Laura accusa Alessandro di violenza sessuale. Ma Alessandro si dichiara totalmente innocente, perché, a suo dire, il rapporto con Laura è stato consensuale.

UNA FICTION RICCA DI COLPI DI SCENA

L’accaduto coinvolge in una spirale di impreviste, drammatiche conseguenze anche i parenti e gli amici più cari dei protagonisti. E non manca il coinvolgimento dei social network, che contribuiscono a rendere ancora più difficile la situazione per i poliziotti che indagano sul caso.

Bugie, colpi di scena e passato da nascondere coinvolgono tutti i personaggi della serie, che pone un interrogativo essenziale e inquietante: esistono davvero due versioni per ogni storia?

VERITA' O MENZOGNA?

A questo proposito, il regista Gianluca Maria Tavarelli (“Il giovane Montalbano”, “Maltese”, “Non prendere impegni stasera”) ha dichiarato: «Ho fortemente voluto fare questa serie perché mi sembrava che fosse, particolarmente in questo momento storico, “necessaria”. Necessaria perché parla di donne, donne che oggi, purtroppo, sono spesso al centro della cronaca; necessaria perché parla di come sia labile il confine tra verità e menzogna, di come sia facile, attraverso i mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione, raccontare storie, generare notizie che immediatamente vengono date per vere, per certe, indipendentemente dal fatto che lo siano o meno…».

UNA STRAORDINARIA PARTITA A DUE

«Uno dei temi della serie», continua il regista «è infatti la menzogna nelle sue più varie sfaccettature, da quelle più piccole e quotidiane… a quelle più grosse raccontate per proteggere errori o addirittura reati… La forza della serie sta proprio nell’equilibrio del racconto, nello stare sempre a metà ed equidistanti da entrambe le parti, sta nel disperato esercizio di entrambi i personaggi di professare la propria innocenza e di combattere nella convinzione di avere subito un grave torto o una grave violenza. E questo equilibrio, questa partita a due, diventa uno straordinario esercizio attoriale».

ATMOSFERE EMOZIONANTI

Ad accrescere l’atmosfera emozionante e misteriosa di “Non mentire” è anche la città scelta come location della serie, Torino. Grazie al suo mix tra  atmosfere d’altri tempi, sontuosi edifici barocchi, grandi viali e piazze, e zone di periferia, Torino fa da scenario perfetto per l’avvicendarsi di menzogne e verità di questa fiction mozzafiato.

Now on air