Donna Summer: è scomparsa una diva

La scomparsa della grande disco diva Donna Summer

Donna Summer: è scomparsa una diva

La scomparsa della grande disco diva Donna Summer
Donna Summer È scomparsa nel pomeriggio del 17 maggio. Chiamata “Regina della disco music”, ha segnato con il suo sound inconfondibile gli anni Settanta, anche se le capacità di questa grande artista, (vero nome LaDonna Andre Gaines) spaziavano dal soul, al gospel e all’R&B. Donna Summer era nata a Boston, l’ultimo giorno del 1948. Trasferitasi in Germania, era stata portata al successo dal famoso produttore Giorgio Moroder nel 1974, con il brano “The hostage”, incluso nell’album “Lady of the night”. L’anno successivo era stato quello di “Love to love you baby”, con una celeberrima title track di ben diciassette minuti. A consacrarla come incontrastata dominatrice dei dancefloor in Europa e negli Stati Uniti era stato l’album “I remember yesterday”, che comprendeva la hit “I feel love”. Nel 1979 il brano “Hot Stuff” le fece vincere il suo primo Grammy Award. Nel 1980 pubblicò con Quincy Jones l’album “Donna Summer”, con canzoni indimenticabili come "Love is in control (finger on the trigger)", "The woman in me" e "State of independence". Negli anni Novanta la Summer preferiva esibirsi in duetto (celebre quello con Liza Minnelli) o dedicarsi a cover.La diva è stata omaggiata da star come Madonna e Beyoncé, che hanno campionato suoi famosi brani ("I feel love" nella canzone "Future lovers" della Ciccone, “Love to love you baby” per la “Naughty Girl” della Knowles). La carriera di Donna Summer è stata ricca di riconoscimenti al suo talento: la diva ha infatti ottenuto ben cinque Grammy Award, sei American Music Award, ventiquattro dischi d’oro e di platino negli Stati Uniti e diciannove dischi d’argento in Gran Bretagna. Ascolta queste canzoni, tra le più note della disco diva, e vota la tua preferita

Now on air