Consegnati i premi della Fondazione Principe Alberto II di Monaco

L'evento si è svolto a Palm Springs, California

Consegnati i premi della Fondazione Principe Alberto II di Monaco

L'evento si è svolto a Palm Springs, California

Da sinistra Ted Danson, presentatore della serata e i premiati (il professor Ove Hoegh-Guldberg, Mme Caroline Pollock e Sylvia A. Earle) con S.A.S. il Principe Alberto (foto Palais Princiere) Si è svolta il 12 ottobre a Palm Springs, in California, la settima cerimonia di consegna dei premi della Fondazione Principe Alberto II di Monaco. Presenti all’evento, seguito da una cena di gala, le LL.AA.SS il Principe Alberto e la Principessa Charlene e oltre duecento ospiti provenienti da ogni parte del mondo. Il riconoscimento premia l’impegno nei campi della tutela della biodiversità, della lotta al cambiamento climatico e contro la desertificazione, e dell’accesso all’acqua. Quest’anno i premi sono andati al professor Ove Hoegh-Guldberg (Australia), per i suoi studi sull’impatto del cambiamento climatico negli ecosistemi marini (premio “Cambiamento Climatico”); a Mr Ma Jun (Repubblica Populare Cinese), il giornalista che ha condotto un’inchiesta sull’inquinamento dei corsi d’acqua in Cina e che nel 2006 ha creato la ONG “Istituto degli affari pubblici et ambientali”, per monitorare i comportamenti delle aziende in tema di inquinamento (premio “Acqua”); alla “Lista rossa delle specie minacciate dell’Unione internazionale per la conservazione della natura" (UICN), che offre i dati più esaurienti a livello mondiale sullo stato di salute della flora e della fauna (premio “Biodiversità”). A ritirare questo riconoscimento la responsabile del programma di tutela, Mme Caroline Pollock. Premio speciale infine per la dr.ssa Sylvia A. Earle, oceanografa,  esploratrice e scrittrice di fama internazionale. S.A.S. il Principe Alberto nel corso della cerimonia ha dichiarato che: «Il tempo incalza, ogni anno è importante, ogni decennio che passa rende più probabili prospettive inquietanti. Il tempo incalza e le decisioni politiche tardano. È per questo motivo, per incoraggiarle, che abbiamo più bisogno che mai di iniziative coraggiose e spiriti audaci, come coloro che onoriamo stasera. Il senso della cerimonia di oggi è incoraggiarli e accompagnarli, sottolineare che è possibile agire. Di fronte all’urgenza di quest’azione, il nostro primo dovere è di provare nuovamente un senso di speranza. È il senso di questa Fondazione e del suo impegno nel mondo». Inoltre, prima della serata di gala, la Fondazione Principe Alberto II di Monaco ha firmato un accordo con la Tiffany & Co. Foundation per rafforzare l’impegno comune nella tutela degli oceani. La filiale statunitense della Fondazione ha anche organizzato una raccolta fondi presso la Soho House di Beverly Hills. I trecentomila dollari raccolti saranno utilizzati per i progetti dedicati alle energie rinnovabili, alla protezione delle biodiversità, alla gestione delle risorse idriche e alla lotta contro la desertificazione

Now on air