Bryan Ferry: Avonmore

È un grande atteso ritorno quello di Bryan Ferry, che pubblica il 18 novembre il nuovo album “Avonmore”

Bryan Ferry: Avonmore

È un grande atteso ritorno quello di Bryan Ferry, che pubblica il 18 novembre il nuovo album “Avonmore”

Monte Carlo Nights ha presentato il disco in anteprima   È un grande atteso ritorno quello di Bryan Ferry, che pubblica il 18 novembre il nuovo album “Avonmore”: otto canzoni originali, la cover di “Send In The Clowns” di Stephen Sondheim e un remaster di “Johnny & Mary”, frutto della sua collaborazione con il dj e produttore norvegese Todd Terje. L’artista britannico si era concesso una raffinata parentesi jazz, prima con l’album “The Jazz Age”, uscito nel 2012, in cui aveva riproposto le grandi hit dei Roxy Music in chiave strumentale, poi con la collaborazione alla colonna sonora del film di Baz Luhrman “Il grande Gatsby” (“Love Is The Drug”, con la Bryan Ferry Orchestra, e la cover di “Crazy In Love”, con Emeli Sandé e ancora la Bryan Ferry Orchestra).  “Avonmore” presenta una tavolozza musicale composita, che mostra tutto il versatile talento del musicista, capace di passare dal rock più raffinato a base di eleganti chitarre e pennellate di sax, a ballate intime e intese, senza tralasciare delle affascinanti incursioni sonore nel mondo dell’elettronica più avantgarde. L’album è stato prodotto da Bryan Ferry  nei suoi studi di Londra insieme a Rhett Davies. Nel disco appaiono anche Nile Rodgers e Marcus Miller, che avevano già collaborato con il musicista. Dopo “Loop De Li”, uscito a settembre, nuovo singolo è “Soldier Of Fortune”, entrambi scritti con Johnny Marr.

Now on air