Poca voglia di lavorare e riunioni interminabili? La colpa è dell’anidride carbonica!

Poca voglia di lavorare e riunioni interminabili? La colpa è dell’anidride carbonica!

Diversi studi hanno dimostrato che una stanza troppo piccola può influenzare negativamente anche i meeting più importanti.

Riunioni infinite e inconcludenti sul posto di lavoro? C’è una motivazione precisa per cui accade e la colpa è tutta... dell’anidride carbonica!

Secondo diversi studi, non è tanto la divergenza di opinioni a prolungare tutti i meeting di lavoro, ma il calore e l’anidride emessi dal nostro respiro. L’inquinamento atmosferico che viene generato dal nostro corpo porterebbe anche grossi rischi di salute, soprattutto per gli asmatici.

Pensate a tutte quelle riunioni che vi hanno fatto tornare tardi a casa dalla vostra famiglia: con molta probabilità si potevano evitare. Quando troppe persone si riuniscono in posti ristretti, i livelli di anidride carbonica (CO2) potrebbero raggiungere dei picchi problematici, che porterebbero difficoltà respiratorie, allergie e persino problemi al sistema immunitario. Secondo l’analisi fatta dal Lawrence Berkeley National Laboratory, l’anidride carbonica influisce pesantemente sui livelli di produttività e capacità decisionali delle persone.

Qualcuno però potrebbe obiettare: «Cosa succede allora alle persone che vivono quotidianamente in posti specifici come gli astronauti e gli equipaggi dei sottomarini?». Loro a quanto pare non risentirebbero dell’eccessiva presenza di CO2 perché abituati maggiormente a lavorare sotto stress.

Come fare quindi ad abbassare i livelli di anidride carbonica? La risposta è semplice: basta un po’ di aria fresca! Aprite le finestre 2-3 volte al giorno per qualche minuto e la concentrazione di CO2 diminuirà drasticamente, riportando i livelli di concentrazione dei lavoratori al massimo. Un altro metodo sarebbe quello di decorare le varie stanze con delle piante, in modo da purificare facilmente l’aria senza servirsi dei condizionatori.

Now on air