Il segreto della felicità? Viaggiare!

Il segreto della felicità? Viaggiare!

Nuove ricerche scientifiche hanno dimostrato che viaggiare fa bene ai neuroni e migliora il nostro umore

Viaggiare rende più felici: è questa la tesi sostenuta da diverse ricerche scientifiche. Secondo i ricercatori viaggiare avrebbe degli effetti positivi sui neuroni, attiverebbe il cervello migliorando il nostro umore. Michael Valenzuela dell’Università di Sydney ha dimostrato che chi viaggia spesso ha una maggiore quantità di neuroni in alcune specifiche zone del cervello: questo significa che viaggiare stimola maggiormente il cervello e si vanno a creare nuovi circuiti.

Sulla stessa linea d’onda la ricerca del dottor Gary Small dell’Università di Los Angeles che ha scoperto che esplorare nuovi posti va a migliorare l’efficienza della corteccia cerebrale dorsolaterale, quella dove risiede la nostra memoria a lungo termine. Altre ricerche sul tema hanno inoltre evidenziato che viaggiare e scoprire nuovi luoghi stimola il cervello e lo rende più attivo mentre il dottor David Botterill ha sottolineato che non è importante il luogo nella soddisfazione di chi viaggia quanto invece l’idea di adattarsi a tutti gli imprevisti che possono capitare in un posto a noi sconosciuto.

Il ricercatore e psicologo Jerone Nawijn ha studiato per anni il collegamento tra viaggi e felicità: la sua ricerca si è concentrata su un campione di 481 turisti in viaggio ad Amsterdam e ha dimostrato come chi viaggia è maggiormente soddisfatto di circa il 20% rispetto a chi non lo fa. Il tasso di felicità dei viaggiatori cresce dal secondo giorno fino al penultimo quando poi si è più concentrati sulla ripartenza. Sorprendentemente però Nawijn ha notato che la soddisfazione cresce nuovamente l’ultimo giorno di vacanza, probabilmente per l’ebbrezza di tornare a casa.

E a te piace viaggiare? Che meta sceglieresti tra queste?

Now on air