Mia Martini: 23 anni fa ci lasciava la grande Mimì

Mia Martini: 23 anni fa ci lasciava la grande Mimì

In occasione dell’anniversario della sua scomparsa sono tanti gli eventi organizzati in suo onore

Era il 12 maggio del 1995 quando Mia Martini moriva improvvisamente nella sua abitazione a Cardano al Campo, in provincia di Varese. 23 anni fa ci lasciava la grande Mimì, una delle voci più belle della musica italiana, che ha contribuito con il suo talento e le sue indimenticabili canzoni ad arricchire per sempre il nostro panorama musicale.

Domenica Rita Adriana Bertè, questo il suo vero nome, fu una cantante capace di interpretazioni particolarmente intense che grazie al suo timbro di voce conquistò sin da subito il cuore di tutti gli italiani.

Il successo arrivò negli anni Settanta con canzoni come “Piccolo uomo”, “Donna sola”, “Minuetto”, “Il guerriero”, “Donna con te”, “Libera”, “E non finisce mica il cielo”, fino alla sua definitiva consacrazione nel 1989 con “Almeno tu nell’universo”, brano con il quale vinse anche il Premio della Critica al Festival di Sanremo.

Personalità complessa, disse una volta in un’intervista: «è sbagliata l’immagine che arriva di me. Tutti mi definiscono “la grande interprete”, i cantautori mi dicono “questa canzone l’ho scritta apposta per te, solo tu la puoi cantare”. Ma nessuno si è mai chiesto: sarà adatta alla Martini? Io sono innamorata della musica etnica e invece mi toccano cose orrende, masturbazioni mentali o virtuosismi vocali. Una noia mortale. Ha ragione Francesco De Gregori quando dice che nessuno ti vuole e nessuno ti vede per quello che sei». La Martini era una donna che voleva la verità, «che odia il romanticismo, non sono sentimentale» rivelò. «Detesto tutto ciò che è finto a parte la tv che mi diverte. Sono Minì, sono di Bagnara Calabra, abbiamo un sole noi che ci fa le radiografie appena nati. Gli odori, i colori della natura nella mia terra sono forti e violenti anche nell’animo umano. Odio essere un idolo, che male ho fatto per essere un idolo? Perché non posso essere una persona normale?»

Per ricordare la sua scomparsa sono tanti gli eventi in sua memoria: il 12 maggio a Tradate (Varese) il CineTeatro Paolo Grassi ha organizzato il concerto “Mimì… con noi”. Nello stesso giorno a Somma Vesuviana (Napoli) il “Mia Martini Festival” giunge alla quarta edizione mentre a Cavaria (Varese) la Martini sarà ricordata con «un annullo filatelico effettuato da Poste Italiane»: si tratta di un francobollo dedicatole dal MISE che fa parte delle “eccellenze italiane dello spettacolo”. Inoltre il Comune consegnerà il “Premio Mimì”, un riconoscimento riservato a coloro che si sono distinti in campo musicale e artistico.

Now on air