Moda e intelligenza artificiale: cosa cambierà?

Moda e intelligenza artificiale: cosa cambierà?

Software intelligenti capaci di captare i gusti dei clienti e non solo. Ecco come l’intelligenza artificiale può supportare il mondo della moda!

Moda ed intelligenza artificiale? Cosa c’entrano l’una con l’altra? Ve lo spieghiamo subito. Il futuro della moda pare, infatti, potrebbe utilizzare, in un futuro, mediante software specifici, i dati ricavati da social network ed e-commerce per poter valutare le tendenze dei clienti, dati che possono essere un punto per nulla trascurabile anche per stilisti e case di moda.

Quello che potrebbe succedere sarebbe un’inversione dei meccanismi di vendita: se infatti finora è stato il venditore a proporre al cliente, con l’intelligenza artificiale, sarebbe il cliente indirettamente a indirizzare i venditori verso i capi da scegliere e proporre poi in negozio. Questo grazie ai dati analizzati, che rientrano nella categoria dei big data.



L’analisi potrebbe indicare ad esempio colori e materiali che i clienti preferiscono, per città o paese.

I software utili dovrebbero consentire, ad esempio, il riconoscimento e la classificazione dei capi sui siti di vendita online, come ad esempio il software Edited, di origine britannica, che ottiene informazioni in oltre 30 paesi.

Si parla poi di memoria intelligente anche se si fa riferimento ai bot, una vera novità. Si tratta di programmi che conversano direttamente con il cliente, utilizzando sistemi di chat e messaggistica. Ad esempio, Spring ha attivato un bot che consente di visionare e scegliere i prodotti su Messenger. Un ulteriore passo in avanti lo ha fatto poi Thread che, non solo propone capi all’utente in base ai suoi gusti, ma tiene in considerazione anche il clima in cui ci si trova. Purtroppo, per ora, le donne dovranno aspettare perché Thread è rivolto solo agli uomini.

Nuove applicazioni consentono inoltre, attraverso la fotocamera, di trovare online un capo simile ad uno che ci ha colpito, ad esempio, se indossato da un passante. È il caso questo di Snap Fashion e ASAP54.



Insomma c’è molta innovazione in tema di intelligenza artificiale, anche collegata al settore moda, ma ancora i sistemi non sono del tutto affinati e pienamente affidabili. Aspettiamo buone nuove!

[Fonte: ilpost.it]

foto gqitalia.it

Now on air