Per gioco e videogioco

L’ISIS comunica tramite videogiochi. Forse.

L’ISIS comunica tramite videogiochi. Forse.

Il giorno dopo gli attentati che hanno duramente colpito Parigi, il ministro degli interni belga, Jan Jambon, si è detto preoccupato dalla possibilità che avrebbero i terroristi di comunicare indisturbati (e non intercettati) attraverso le console di ultima generazione come Play Station 4 e Xbox One.

In effetti i sistemi di gioco più recenti (ma questo è possibile anche con quelli più datati) offrono l’opportunità di creare delle squadre di amici connessi alla rete con i quali è possibile parlare in tempo reale, scambiarsi foto e discutere anche di “piani terroristici” senza destare sospetti.

Le ragioni sono molteplici. La prima è che rispetto ai sistemi di messaggistica più popolari (sms, mail e WhatsApp), le chiacchiere attraverso le console per giocare non sono monitorate (almeno pare che ancora non lo siano) e la seconda è che esistono molti videogiochi che hanno come scenario le guerre che si stanno combattendo nel mondo, e di conseguenza conversazioni fra “giocatori” che abbiano gli “attentati” come tema non desterebbero sospetti.

Va detto che l’esternazione del ministro belga è solo un’ipotesi che ancora non trova precise conferme, e io vorrei aggiungere che questo non ha niente a che vedere con il mondo dei videogiochi in sé. Voglio dire che i terroristi non sono necessariamente videogiocatori e che le console sarebbero sfruttate solo per la tecnologia che offrono.

Seguiremo l’evolversi della faccenda ma ho l’impressione che i videogiocatori di tutto il mondo dovranno adattarsi all’idea di mettere in conto che le loro conversazioni in futuro possano essere intercettate anche durante un’innocente partite a Call Of Duty.

Stefano Gallarini

Stefano Gallarini

Per cinque anni copywriter alla RSCG, l'agenzia pubblicitaria che in Italia aveva come Direttore Creativo Marco Mignani, il creatore di “Milano da Bere”, è diventato poi direttore e ideatore delle testate più importanti del mondo dei videogiochi come ZZap! e The Games Machine.

Grande appassionato di tecnologia, illusionismo e musica, è stato il primo giornalista/conduttore italiano a portare i videogiochi e il mondo dei social in radio e in televisione.
Scrive e conduce per Italia 7 e Odeon TV “USA Today”, un programma dove si parla di sport, cinema e videogiochi e nel 1992 approda a Italia Uno come conduttore e autore di Unomania ai quali seguono Mitico!, Smile, Village, Planet e Fuego. Proprio Planet e Village ricevono rispettivamente una menzione speciale del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi e il Premio "Penne Pulite".
Passa poi al canale satellitare MT Channel dove scrive e conduce due trasmissioni; una sui videogiochi, Gamet e una sulla tecnologia, E-Side.

Dal 2014 è conduttore su Radio Monte Carlo, forte di una consolidata esperienza maturata nel corso del suo cammino radiofonico, e che lo ha visto anche protagonista nel ruolo di autore di format e giochi per varie emittenti.

Webradio

RMC VIP Lounge
 
RMC Hits
 
RMC Italia
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Great Artists
 
RMC Love Songs
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC 80
 
RMC 90
 
Radio Monte Carlo Disco Funk
 
Romantic Rock
 
RMC Cool
 
RMC New Classics
 
Radio Monte Carlo Voyage Voyage
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo Acoustic
 
RMC Lady
 
RMC Next
 

Radio Monte Carlo sempre con te

Disponibile su