Si avvera un sogno: mai più schermi dello smartphone in pezzi!

Si avvera un sogno: mai più schermi dello smartphone in pezzi!

Sono il tallone d'Achille degli smartphone: schermi touchscreen fragili e facili a rompersi. Ma una nuova invenzione promette di risolvere il problema

Touchscreen degli smartphone, gioie e dolori. Quante volte vi è capitato per sbaglio di sedervi ahimè sopra il vostro telefonino, o sbadatamente farlo cadere a terra, per ritrovarvi con lo schermo in pezzi e una bella spesa da affrontare per farlo riparare?

Adesso però la situazione potrebbe nettamente migliorare. Come riporta il Telegraph, gli scienziati dell'Università del Sussex hanno messo a punto un nuovo materiale che promette di essere quasi indistruttibile. Attualmente, i touchscreen in circolazione sono fatti da un materiale raro e prezioso, l'ossido di indio stagno, che va inoltre fissato su vetro. Ecco perché gli schermi si rompono facilmente. Se poi pensate agli alti costi di estrazione dell'ossido di indio stagno, capirete subito il motivo per cui i costi di riparazione dello schermo sono molto alti. Gli studiosi del Sussex hanno invece sperimentato un nuovo materiale, a base di grafene e nanofili d'argento, dal costo infinitamente inferiore a quello dell'ossido di indio stagno. Il nuovo materiale non ha inoltre bisogno di essere fissato su vetro e dunque permette di realizzare smartphone meno fragili. Questa tecnologia potrebbe essere adottata dai produttori di cellulari già a partire dal 2018.

Now on air