Miss Regno unito rinuncia al titolo: "mi hanno chiesto di dimagrire"

Miss Regno Unito rinuncia al titolo: "mi hanno chiesto di dimagrire"

Avrebbe dovuto concorrere per il titolo di Miss United Continents, ma una delle organizzatrici del concorso le ha chiesto di perdere peso. Zoiey Smale allora ha rinunciato alla corona.

Ha vinto il titolo di Miss UK 2017 e a giugno ha superato le selezioni che l’avrebbero portata a concorrere in Ecuador per Miss United Continents. Ma Zoiey Smale, la reginetta 28enne originaria del Nottinghamshire, ha deciso di rinunciare quando una delle organizzatrici del concorso le ha suggerito di perdere più peso possibile per sbaragliare la concorrenza. Zoiey non ha visto di buon grado quel consiglio, che suonava più come un'imposizione e che l’avrebbe portata a scendere al di sotto della sua taglia 38. E così ha deciso di fare un passo indietro tra le fila delle partecipanti al concorso, e di farne invece qualcuno in avanti nella lotta alla violenza psicologica che vuole le donne sempre più magre, secondo canoni di bellezza imposti dalla società.

"Non posso rappresentare una società che pensa sia giusto che le donne si vergognino del proprio corpo solo perché non rispettano la taglia giusta - ha dichiarato la reginetta in un'intervista - Mi è stato chiesto di prendere le misure del mio corpo, ma non ho accettato: le misure non dovrebbero essere rilevanti."

Le regole che vigono nel mondo della moda sono purtroppo ancora molto rigide e talvolta anche assurde per quel che riguarda gli ideali di bellezza richiesti e proposti. Smale, che lavora da quando aveva 18 anni partecipando a sfilate, concorsi di bellezza e shooting fotografici, forse non si era ancora scontrata con questa triste realtà ed ora, ad un passo dal concorso tanto ambito, ha deciso di non accettare più un sistema che scredita la donna sulla base di standard estetici illogici.

"Mi fa tristezza una persona che dice di cambiare il proprio corpo solo per poter partecipare a una gara. Come si permette la gente di impormi cosa metto nel mio corpo? La bellezza non è determinata dalla taglia che porti nei vestiti. Così ho scelto di rinunciare al titolo."

La ragazza ha trovato la solidarietà e l’appoggio di tantissimi utenti che hanno apprezzato l'esemplare gesto. La sua è una denuncia ad un sistema che, non solo vige nei concorsi di bellezza, ma che si è infiltrato nel pensare comune, portando molte giovani (e non) a credere che per essere accettate bisogna rispettare criteri estetici imposti, ma che non ci appartengono.

Photo credit: Facebook

Now on air