I tempi sono cambiati: sono i nonni i migliori amici dei Millennials

I tempi sono cambiati: sono i nonni i migliori amici dei Millennials

Sono ormai lontani i momenti in cui ci si vergognava dei propri nonni: ora li si adora apertamente, tanto che in molti tendono a “pubblicizzarli” sui social.

Nonna, sei tu la mia migliore amica!”. Per quanto strano possa sembrare, i ragazzini di oggi vedono nei nonni i propri migliori amici. Non solo una preziosa fonte di sostegno per rimboccare i portafogli o un indispensabile punto di riferimento nella vita di tutti i giorni, in primis a tavola, ma dei veri e propri miti. È questo ciò che rappresentano i nonni per i Millennials: amici, solo un po’ più saggi.

A rivelarlo è una ricerca condotta dallo Story cooking di Casa Coricelli, l'osservatorio sulle tendenze nel mondo dell'olio e della cucina, che ha coinvolto 1.500 ragazzi monitorati attraverso social network, blog, forum e community dedicate a questo argomento. Per il 55% di loro la nonna è la figura più importante della vita: brava nel dare i consigli giusti, ma anche cuoca di prima categoria. «La cucina della nonna può essere un mezzo per rafforzare il rapporto con i nipoti – afferma la dott.ssa Chiara Venturi, psicologa e psicoterapeuta - Infatti i ragazzi valorizzano le tradizioni e il legame con le generazioni passate più di quanto si possa immaginare. I profumi e i sapori delle pietanze che cucinano le nonne rimangono per sempre nella memoria olfattiva dei ragazzi, che è molto profonda e strettamente legata a quella emotiva. I nonni rappresentano una figura affettiva importantissima, un “porto sicuro”, un luogo dove poter depositare le proprie esperienze positive».

I nonni del nuovo millennio non hanno niente a che vedere con gli stereotipi legati ai “vecchietti”: al contrario sono dinamici, giovanili e al passo con le nuove tecnologie, tanto che comunicano con i propri nipotini anche attraverso Facebook e WhatsApp. D’altro canto, però, sono anche attenti a preservare le tradizioni, soprattutto in cucina.

Dunque, per i ragazzi fra 16 e 18 anni la nonna è la confidente ideale per parlare dei primi amori (34%), dei problemi a scuola (26%) e dei litigi con i genitori (22%). Ma soprattutto, per il 64% del campione, è la persona che riesce a sollevarli nei momenti di difficoltà così come la più pronta a concedere maggiore libertà (44%).

Questo segnala, infine, che sono finiti i tempi in cui ci si vergognava dei propri nonni. Anzi, ora li si adora apertamente, tanto che in molti tendono a pubblicizzare, magari sui social, questo rapporto così speciale. Vip compresi, da Justin Bieber a Miley Cyrus.

Photo credit: Pixabay

Now on air