Paure "digitali". 5 fobie scatenate dalla tecnologia

extra

Paure "digitali". 5 fobie scatenate dalla tecnologia

La nomofobia è solo una delle nuove angosce. Altro che ragni, serpenti e aghi. Oggi i mostri da combattere sono computer e cellulari.

L'impatto della tecnologia sulla società odierna ha comportato numerosi aspetti positivi, tuttavia vi sono anche alcuni aspetti che spaventano, nel vero senso della parola, coloro che ne usufruiscono.
La necessità di controllare compulsivamente lo smartphone, non poter fare a meno di tenerlo sempre tra le mani e l'ansia di essere sul limite di finire i Gb mensili, ad esempio, sono sintomi della nomofobia, una tra le tante nuove angosce e paure, vere e proprie patologie risultati dal mondo digitale.
Diametralmente opposta è tecnofobia, la fobia degli effetti dovuti all'uso dei dispositivi tecnologici.
E' la radice che mal dispone tutti coloro che sentono di non riuscire a stare al passo con la continua evoluzione. Tra le sue forme più comuni si trova la cyberfobia, ovvero la paura irrazionale dei personal computer.
Chi è affetto da questa fobia è fortemente convinto, al limite della paranoia, che i computer siano troppo invasivi nella vita quotidiana.
La telenofobia, letteralmente paura dei telefoni, si concretizza nella paura di rispondere e ricevere chiamate.
Questa fobia colpisce le persone più timide e già soggette ai più comuni disturbi di ansia sociale, portandole fino all'iperventilazione e agli attacchi di panico.
La paura di rispondere al telefono è legata all'ansia da prestazione, ciò che si teme maggiormente è essere criticato per quel che si dice o addirittura apparire stupido alle orecchie dell'interlocutore.
La selfiefobia è mossa poi dai motivi più disparati, dal terrore di dimostrare più anni di quelli che si hanno sulla carta d'identità fino all'angoscia di non essere fotogenici.
La paura di farsi fotografare non è nuova, ma il selfie la amplifica e la trasforma in un grido di attenzione.
Con il termine expirafobia si identifica infine la paura di dimenticare il rinnovo del dominio. Si impostano alert, si segna in agenda, ma a volte non basta e il passo verso una vera fobia è breve.
Per dissipare i timori, alcune aziende hanno deciso di suggerire soluzioni di 20 anni per eliminare ogni brutta eventualità, impedimento o carta di credito scaduta.

Now on air