Shakespeare in carcere. Al Beccaria le tragedie diventano rap

extra

Shakespeare in carcere. Al Beccaria le tragedie diventano rap

Un workshop per promuovere la cultura attraverso la musica hip hop, al carcere minorile.

I versi e le opere di Shakespeare diventano rap.

Succede nel corso di un workshop organizzato intrecciando le esperienze di giovani studenti dell’università degli studi di Milano e quelle dei detenuti del carcere minorile Cesare Beccaria.

A guidarlo è l'artista, poeta e rapper, Kingslee “Akala” Daley, fondatore e direttore artistico della compagnia The Hip-Hop Shakespeare Company.

Lo scopo è quello di far conoscere i versi e le opere di Shakespeare attraverso il linguaggio della musica Hip Hop.

Così viene riassunta la mission del workshop:

"Oggi giorno appare naturale un connubio tra Shakespeare e il rap. Attraverso le sue opere, si possono apprendere differenti lezioni che sono una sfida e un insegnamento di vita".

Now on air