Soylent, la colazione in bottiglia. L'ultimo pasto sostitutivo arriva dalla Silicon Valley

extra

Soylent, la colazione in bottiglia. L'ultimo pasto sostitutivo arriva dalla Silicon Valley

Bilanciando caffeina, vitamine, minerali, grassi, carboidrati e proteine, Soylent permette di iniziare la giornata in modo equilibrato.

L'ultima frontiera del "pasto sostitutivo" arriva dalla Silicon Valley.

Bibitoni e pasti integrativi arrivano come una manna per i manager 2.0, sempre talmente impegnati da non avere tempo "da perdere" neanche per il pranzo. 

Il caso più clamoroso è quello di Soylent.

Creato dall'ingegnere Rob Rhinehart, Soylent è disponibile in forma liquida o in polvere ed è studiato per soddisfare tutti i requisiti del pasto medio. 

In soli due anni, Soylent ha riscosso un successo senza pari tra gli addetti ai lavori della Silicon Valley.

L'idea non è quella di dimagrire, ma di mettere insieme scienza e tecnologia a servizio dei ritmi del business e di chiunque ritenga che mangiare sia un'inutile perdita di tempo.

L'ascesa di Soylent è iniziata nel 2014 grazie ad una compagnia di crowdfunding e più di 3 milioni di dollari di finanziamento.

La benedizione del National Academy of Medicine ha fatto il resto nella scalata dell'intruglio verso il successo.

Nell'orizzonte più prossimo di Soylent c'è quello che è il pasto più raccomandato dai dietologi, la colazione.

Il primo pasto della giornata verrà surclassato da Coffiest. Un mix di caffeina, vitamine, minerali, grassi, carboidrati e proteine che garantisce di iniziare la giornata con la colazione concentrata in una bottiglia.

150 mg di caffeina, per bottiglia, il sapore dolce e la consistenza cremosa ottenuta grazie alle proteine della soia, mentre l'olio di algale fornisce energia.

Con 75 mg di L- Theanine, un tè verde per eliminare gli effetti collaterali nervosi di caffeina, Coffiest "favorisce il rilassamento senza sonnolenza e persino migliora le prestazioni cognitive".

La formula appena brevettata prevede una elegante bottiglia in bianco e nero, progettato dai designer John Zelek e Ryder Ripps, per provvedere anche al senso estetico.

Now on air