Venerdì 17: le canzoni da ascoltare oggi

extra

Venerdì 17: le canzoni da ascoltare oggi

E se anche non credi alla sfiga, o ti senti fortunatissimo, è sempre meglio - sai com'è - prestare orecchio.

A chi lo aspettava con terrore da una settimana, a chi se n'è accorto solo stamattina e a chi, proprio in questo momento, ha dipinto in volto un oscuro presagio di morte, eccoci qui: anche quest'anno, venerdì 17 è arrivato.

E mentre il Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) ha organizzato un percorso a ostacoli per provocare la supposta jella (i partecipanti saranno chiamati, tra le altre imprese, a passare sotto una scala, rompere uno specchio, versare a terra il sale, eccetera eccetera), noi ci siamo preoccupati di selezionare per voi 5 canzoni sulla sfiga: dal brano-simbolo dei Social Distortion al low profile di Beck, fino all'indimenticabile sequela di sfortune raccontate da Alanis Morissette.

Ironic - Alanis Morissette

"Un vecchio compì 98 anni / vinse alla lotterie e morì il giorno dopo / È una mosca nera nel tuo Chardonnay / È un'assoluzione della pena di morte due minuti troppo tardi / È ironico, non credi?". Diremmo piuttosto  tragico, ma forse per Alanis Morissette i concetti sono un po' più sfumati. La canzone è un'ode alla sfiga in ogni sua manifestazione, un capolavoro di sarcasmo incastonato nell'ottimismo anni '90. Eppure sembra aprire all'intuizione che forse non tutte le sfighe sono  davvero sfighe, perché "la vita ha un bel modo di infierire su di te /e la vita ha un bel modo di aiutarti".

Now on air