Pedro Almodóvar sarà premiato col Leone d’oro alla carriera

Pedro Almodóvar sarà premiato col Leone d’Oro alla carriera

Alla 76esima Mostra del Cinema di Venezia il regista spagnolo riceverà il prestigioso riconoscimento per una carriera ricca di successi

Il regista spagnolo Pedro Almodóvar sarà premiato con il Leone d’Oro alla carriera durante la 76esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia. L’evento è in programma dal prossimo 28 agosto al 7 settembre.

Almodóvar è il regista spagnolo contemporaneo più famoso al mondo, consacrato definitivamente dalla stampa e dal pubblico grazie al film “Donne sull’orlo di una crisi di nervi” nel lontano 1988. La pellicola ottenne anche una candidatura agli Oscar come “miglior film straniero” oltre ad una miriade di riconoscimenti e premi in tutto il mondo.

«Sono molto emozionato e onorato per il regalo di questo Leone d’Oro» ha affermato Almodóvar, «Ho bellissimi ricordi della Mostra di Venezia. Questo Leone diventerà la mia mascotte, insieme ai due gatti con cui vivo. Grazie dal profondo del cuore per questo premio» conclude il regista dell’ultimo, acclamato “Dolor y Gloria”, la pellicola con protagonista Antonio Banderas che ha vinto il premio “Prix d'interprétation masculine” al Festival di Cannes.

Visualizza questo post su Instagram

#BiennaleCinema2019 Venezia, 28 agosto > 7 settembre 2019 . Il Leone d'Oro alla carriera di #Venezia76 è stato attribuito a #PedroAlmodóvar, "non solo il più grande e influente regista spagnolo dopo Buñuel – ha affermato Alberto Barbera – ma anche autore capace di offrire della Spagna post-franchista il ritratto più articolato, controverso e provocatorio". . Il regista, accettando la proposta, ha dichiarato: "Sono molto emozionato e onorato per il regalo di questo Leone d’Oro. Ho bellissimi ricordi della Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia. Il mio debutto internazionale ha avuto luogo lì nel 1983 con 'L’indiscreto fascino del peccato'. Era la prima volta che uno dei miei film viaggiava fuori dalla Spagna. È stato il mio battesimo internazionale ed è stata una meravigliosa esperienza, come lo è stata il mio ritorno con 'Donne sull’orlo di una crisi di nervi' nel 1988". . Foto: @nicobustos . . #BiennaleCinema2019 Venice, August 28th > September 7th, 2019 . The Golden Lion for Lifetime Achievement of #Venezia76 goes to Pedro Almodóvar, “not only the greatest and most influential Spanish director since Buñuel – Alberto Barbera said – but also a filmmaker who has offered us the most multifaceted, controversial, and provocative portraits of post-Franco Spain.” . Accepting the award, the director declared: “I am very excited and honoured with the gift of this Golden Lion. I have very good memories of the Venice Film Festival. My international debut took place there in 1983 with ‘Dark Habits’. It was the first time one of my films travelled out of Spain, it was my international baptism and a wonderful experience, as it was my return with ‘Women on the Verge of a Nervous Breakdown’ in 1988.” . . Photo @nicobustos

Un post condiviso da La Biennale di Venezia (@labiennale) in data:

Almodóvar, che solo 2 anni fa è stato il presidente della giuria alla 70esima edizione del Festival di Cannes, ha raccontato di quando partecipò per la prima volta alla Mostra di Venezia: «Il mio debutto internazionale ha avuto luogo a Venezia nel 1983, con “L’indiscreto fascino del peccato”. Era la prima volta in assoluto che uno dei miei film viaggiava fuori dalla Spagna. È stato il mio battesimo internazionale ed è stata una meravigliosa esperienza».

Alberto Barbera, il direttore della Mostra di Venezia, ha detto: «Almodóvar non è solo il più grande e influente regista spagnolo dopo Buñuel, ma l’autore che è stato capace di offrire della Spagna post franchista il ritratto più articolato, controverso e provocatorio».

Now on air