Livingston, Guatemala

Scopri con Maurizio DiMaggio quest'affascinante località esotica

CLICCA E ASCOLTA RADIO MONTE CARLO VOYAGE VOYAGE, DEDICATA AI VIAGGI E ALLA MUSICA PIU' BELLA DA TUTTO IL MONDO

di Maurizio DiMaggio

Sulla penisola dello Yucatan, al confine tra Guatemala e Belize, esiste un posto che è rimasto isolato a lungo perché ancora oggi non ci sono strade che lo raggiungano. Si chiama Livingston.

E' un villaggio che fu fondato da schiavi africani fuggiti dalle piantagioni o affrancati dopo aver combattuto al fianco degli spagnoli, i Garìfuna. Dopo una vera e propria odissea in mare, dall’isola di ST. Vincent, nei Caraibi orientali, una comunità Garìfuna arrivò all'estuario del Rio Dulce e fondò Livingston, poco più di un villaggio con due strade principali: una che sale dall’imbarcadero lungo il fiume e un’altra dove c’è la chiesa principale. Ma è un posto molto colorato dove i ragazzi sembrano dei rasta o dei rapper. E le ragazze hanno dei corpi da principesse africane.

C’è musica un po’ dappertutto, qualche locale interessante come l’Ubafu sulla Church Road. Le facciate delle case sono dipinte di colori brillanti. C’è un’atmosfera giamaicana a Livingston, dove adesso circolano una cinquantina di auto e pick up, ma fino a qualche anno fa non c’erano auto perché non ci sono strade che arrivino fino lì. E infatti non esistono i segnali stradali! Niente stop o sensi unici.

Livingston ha un’atmosfera pigra e cordiale, la sera sono tutti in strada a passeggiare e ho visto un sacco di turismo femminile! Gruppi di ragazze sui 25 anni da sole. Perché Livingston è il posto più sicuro del Guatemala: siccome si conoscono tutti tra di loro non c’è delinquenza, è come un’isola dalla quale non si può scappare, mi confida Edgar.

La cultura Garìfuni si esprime con un dialetto africano, con dei piatti tipici come il Tapado, che è una zuppa di pesce cotto nel latte di cocco ed è squisita… E poi attraverso la musica e le danze. C’è una famiglia che si esibisce, sono tutti musicisti, e suonano con i tamburi e cantano….c’è una loro canzone che mi è entrata in testa:

“ porque tu tienes una carita deliciosa”, perché hai un bel musino.

Io ci sarei rimasto a Livingston, a contare i pellicani che mi passavano silenziosi planando nel vento a 5 metri dal terrazzino dove sorseggiavo Birra Gallo, Tradicion y Orgullo de Guatemala. Si vede che ho lo spirito caraibico.

Now on air