Mata Hari: la ballerina e spia che sedusse l'Europa era nata il 7 agosto 1876

Era di origine olandese la ballerina che con il nome di Mata Hari conquistò l'Europa e fu condannata come spia. La sua drammatica vicenda ha ispirato numerosi film e serie tv

Aveva scelto di farsi chiamare Mata Hari, nome esotico che vuol dire l'Occhio del mattino, ma il suo vero nome era Margaretha Geertruida Zelle, nata a Leeuwarden, gelida cittadina olandese vicina al Mare del Nord, il 7 agosto 1876.

La sua vita fu drammatica e ricca di colpi di scena. Sposata con il capitano Rudolph MacLeod, seguì il marito nelle Indie Orientali, dove l'uomo si fece ancora più violento a causa del suo alcolismo e la coppia perdette il figlio maschio, si dice avvelenato per vendetta da una cameriera.

Fuggita dalla spaventosa vita matrimoniale, Margaretha si presentò in Europa come modella e ballerina, con il nome di Mata Hari. Con le sue danze sensuali conquistò i teatri e la migliore società del tempo. Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, Mata Hari si diede allo spionaggio e tentò un pericoloso doppio gioco che la portò a processo in Francia. Riconosciuta colpevole, fu giustiziata il 15 ottobre 1917 a Vincennes.

La sua figura e le sue avventurose vicende hanno ispirato numerosi film. Il più celebre è stato interpretato da Greta Garbo. Nel 2016 anche Elisabetta Gregoraci ha recitato da protagonista in una pellicola dedicata alla sua vita.

Now on air