WEB RADIO

Monte Carlo Nights Story
 
RMC Marine
 
RMC Love Songs
 
RMC New Classics
 
RMC Italia
 
RMC 80
 
RMC Great Artists
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Bau & Co
 
rmc
 
RMC Hits
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Coldplay
 
Radio Festival
 
RMC Duets
 
RMC 90
 
MC2
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Zucchero
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 

Finalmente una campagna che ribalta i luoghi comuni sulle donne!

Una campagna americana di comunicazione contro i crimini a sfondo sessuale ribalta con ironia tutti i luoghi comuni sulle donne. da vedere sorridendo (e riflettendo molto...)

Finalmente una campagna che ribalta i luoghi comuni sulle donne!

Sono spot che finalmente ribaltano tutti i luoghi comuni sulle donne, quelle affermazioni per cui, se una ragazza è stata molestata (o peggio ancora, violentata) in fondo se l'era andata un po'a cercare... Colpa sua, perché aveva una gonna troppo corta, o un sorriso troppo invitante, o diceva no, ma sotto sotto quel no era un sì... Tutti terribili stereotipi, che purtroppo si sentono ancora. Ed ecco la campagna ''Its' on us', realizzata dalla task force antiviolenza voluta dall'amministrazione Obama nel 2014. Gli spot, firmati dal collettivo 101-North Marketing, sono davvero ironici.

In quello intitolato "It's Illogical: The Wedding Caterer", una ragazza affonda la mano senza tanti complimenti in una splendida torta nuziale che il pasticcere sta per ultimare. Alle proteste dell'uomo, risponde aggressiva: «E' colpa tua, perché hai fatto una torta così deliziosa? Sei tu che mi hai tentato, è tutta colpa tua!»-

In un altro spot, "It's Illogical: The Art Gallery" due ragazze in un museo toccano ripetutamente una statua, mentre il custode ricorda loro che è proibito toccare le opere esposte. Per tutta risposta, le ragazze ridono. E aggiungono: «sappiamo che per salvare le apparenze devi dirci di no, ma sappiamo anche che in realtà tu vuoi dirci sì, quindi che problema c'è?».

Addirittura, in un altro video, una ragazza soddisfa un suo bisogno fisiologico in un negozio di water, sotto l'occhio sbarrato del commesso, che protesta, ed è subito investito da una serie di insulti: perché la ragazza afferma che doveva soddisfare un impellente bisogno fisico, e che il negozio aveva tutto, ma proprio tutto il necessario per le sue esigenze, dunque, perché agitarsi tanto?

Situazioni apparentemente paradossali, ma in cui basta scambiare la ragazza con un uomo, per sentire tutto il terribile peso di frasi come «sei tu che mi hai tentato», «dici di no, ma so bene che il tuo no vuol dire sì» e «avevo un bisogno fisiologico e tu hai tutto il necessario perché io sia soddisfatto, dunque perché fare tanta scena?».