"El empleo" il cortometraggio pluripremiato che parla di lavoro e della nostra società

La situazione lavorativa degli ultimi anni è nettamente cambiata. Questo corto invita a riflettere sulle condizioni lavorative e la mercificazione dei rapporti interpersonali.

Il mondo del lavoro è ormai diventato di difficile comprensione. Il rapido cambiamento della nostra società ha portato a lavori sempre più frustranti e nevrotici. La crisi economica mondiale non ha fatto altro che aumentare le difficoltà delle condizioni del lavoratore, che a volte arrivano al limite della decenza con contratti di lavoro umilianti. La nostra società sta lentamente, e silenziosamente, accettando tutto questo. Il cortometraggio "El empleo" di Santiago Bou Grasso invita a riflettere sulla mercificazione del lavoro, sul cambiamento dei rapporti interpersonali, sulla nostra società che non si riconosce più in sé stessa per via di valori che si stanno perdendo per sempre.

In pochi frame viene fatta un'analisi rapida, ma non per questo superficiale, della realtà che ci circonda e in cui siamo immersi al punto tale da rimanerne indifferenti. Il regista argentino rappresenta la monotonia della quotidianità di un soggetto alienato, schiavo della società e a sua volta schiavista nei confronti del prossimo, addirittura nei confronti della propria famiglia. 

Di particolare effetto la scena finale in cui il protagonista, arrivato in azienda, prende posizione in "ufficio". Il grande compromesso dell'attualità. "El empleo" ha vinto numerosi premi, tra i quali il Premio del Pubblico al Festival di Berlino e il Premio per la Miglior Opera d'Animazione all'I've Seen Films - International Film Festival.

Now on air