WEB RADIO

RMC Duets
 
RMC Marine
 
RMC Hits
 
RMC 90
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Kay Kay
 
RMC Love Songs
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Coldplay
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Italia
 
RMC 80
 
Music Star Zucchero
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Festival
 
MC2
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Great Artists
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Pino Daniele
 
rmc
 
Xmas Radio
 

Moby vi fa riflettere sull'uso esagerato degli smartphone: il video

La clip accompagna la nuova canzone "Are You Lost In The World Like Me?" ed è anche uno splendido omaggio ai cartoon Anni Trenta

Moby ha lanciato il suo nuovo progetto musicale, Moby And The Void Pacific Choir e il video di un brano tratto dall'album "These Systems Are Falling", intitolato "Are You Lost In The World Like Me?" è un preciso atto d'accusa contro l'invadenza degli smartphone nella vita di ogni giorno. Realizzato in stile cortometraggio d'animazione, grazie agli incantevoli personaggi di Steve Cutts, artista che si ispira ai grandi cartoon degli Anni Trenta, da Betty Boop a Popeye, la clip mostra a quali livelli ci sta portando la dipendenza da smartphone. Tra selfie scattati anche nei momenti meno opportuni e totale mancanza di contatto reale tra le persone, le immagini dipingono una realtà apocalittica, ma non troppo lontana dal nostro quotidiano.

Le parole di Moby

«Il video», ha dichiarato Moby «parla della nostra crescente dipendenza dalla tecnologia e delle interazioni tra le persone, o meglio: dell'assenza di interazioni tra le persone. L'accento è posto sul fatto che la tecnologia ci influenza, ci desensibilizza. Abbiamo costruito delle grandi città, delle grandi industrie, dei grandi sistemi. Questi sistemi sono stati costruiti per proteggerci, per renderci liberi. Ma invece di fare questo hanno inquinato la nostra aria, ucciso gli animali e massacrato la terra - e siamo noi che abbiamo creato distruzione. Pensavamo di aver risolto i problemi della distribuzione del cibo e della distribuzione delle ricchezze, ma siamo più infelici che mai».