11/12/2015

Il blog di Marco Fullone

Gregory Porter

E' riuscito a conquistare i jazz festival più prestigiosi, il pubblico più appassionato, la stima dei colleghi e anche un Grammy

Ha una voce opulenta, sontuosa, capace di arrivare nel profondo.
Ed è grazie a questo talento vocale d’eccezione che Gregory Porter, nato il 4 novembre 1971 a Sacramento, in California, è riuscito a conquistare i jazz festival più prestigiosi, il pubblico più appassionato, la stima dei colleghi e anche un Grammy, nel 2014. A far apprezzare le sue capacità è stato soprattutto il suo terzo album “Liquid Spirit”, il primo per l’etichetta Blue Note, salutato dalla critica come una punta di diamante del jazz contemporaneo e premiato appunto col Grammy come miglior disco nella categoria Best Jazz Vocal Album.

Destinato a una carriera da giocatore professionista di football, prima che un incidente infrangesse questo sogno, Gregory ha trovato nella musica un campo d’azione altrettanto emozionante. E sa anche come “giocare in squadra”, visto che ha collaborato, solo per fare qualche nome, con Till Bronner (nel disco “The Movie Album”), Jamie Cullum (“Interlude”) e Disclosure (“Caracal”).
La clip che vi presentiamo è il lyric video per “When You Wish Upon A Star”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1500

Marco Fullone

Marco Fullone

Dal lontano anno 2000 scelgo la musica di Monte Carlo Nights e giro l'Italia per suonare dischi. Ho un bellissimo gatto di nome Gustavo e sono un maniaco collezionista di vinili, box set, limited edition.

Guai a chi tocca il mio impianto Hi-Fi!

Calendario dei post