WEB RADIO

MC2
 
rmc
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Italia
 
RMC 90
 
RMC Great Artists
 
RMC Marine
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Coldplay
 
Radio Kay Kay
 
RMC Hits
 
RMC Love Songs
 
RMC 80
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Duets
 
Music Star Zucchero
 
Radio Bau & Co
 
Radio Festival
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Jovanotti
 

A Las Vegas i cocktail li preparano due robot (italiani)!

Un imprenditore italiano proprietario del Tipsy Bar, ha messo alla prova due robot dietro il bancone. I risultati? 120 bicchieri l'ora e 60 tipi di cocktail diversi.

Si discute ormai da anni sull'impiego di robot e macchine altamente sofisticate sui luoghi di lavoro, anche se alcune professioni sembravano riservate esclusivamente alle persone in carne ed ossa. Chiunque entrerà nel Tipsy Bar di Las Vegas, invece, dovrà ricredersi, perché dietro il bancone non troverà dei fascinosi bartender, bensì due bracci robotici pronti a servire qualsiasi cocktail.

L'idea di "assumere" questi due robot è venuta all'imprenditore italiano Rino Armeni che, oltre ad essere il proprietario del bar nella Sin City, è anche il CEO dell'azienda Robotic Innovation, specializzata in tecnologia avanzata. È per questo che i due bracci robotici, realizzati in Italia dall'azienda torinese Makr Shakr, sono stati messi alla prova dietro il bancone del Tipsy Bar. Visti i risultati, sembra proprio che i due robot abbiano superato il test a pieni voti, visto che hanno sostituito alla perfezione gli 8 baristi che solitamente servono i clienti. Quest'ultimi, infatti, hanno semplicemente trasmesso la propria ordinazione ai robot tramite un iPad: una volta selezionato il tipo di cocktail, i robot hanno scelto gli ingredienti tra le bottiglie attaccate sul soffitto, shackerato e guarnito in tempi record, servendo ben 120 drink per ogni ora e componendo 60 tipi diversi di cocktail.

Oltre allo stupore per le innegabili capacità dei due robot-barman, comunque, sono arrivate anche delle critiche nei confronti dei due baristi d'eccezione del Tipsy Bar: l'impiego di robot e macchine, infatti, è guardato con sospetto da molte categorie di lavoratori, che temono di venire sostituiti per via dell'efficienza sempre più elevata dei loro concorrenti robotici. Rino Armeni, comunque, ha rassicurato i suoi impiegati spiegando che i due robot sono stati messi lì come attrazione e che nessuno sarebbe stato sostituito, nonostante le elevate prestazioni dimostrate dalle macchine. Anche perché qualche nostalgico cliente che cercava conforto in un bicchiere e una chiacchierata con un barista comprensivo, ha sentito molto la mancanza del calore umano quando si trovava di fronte ai due robot sicuramente bravissimi, ma del tutto indifferenti ai loro sfoghi.