WEB RADIO

MC2
 
rmc
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Italia
 
RMC 90
 
RMC Great Artists
 
RMC Marine
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Coldplay
 
Radio Kay Kay
 
RMC Hits
 
RMC Love Songs
 
RMC 80
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Duets
 
Music Star Zucchero
 
Radio Bau & Co
 
Radio Festival
 
RMC New Classics
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Jovanotti
 

Facebook e interazioni: ecco perché aiutano a stare meglio

Secondo una recente ricerca le interazioni su Facebook influiscono positivamente sul nostro benessere. A patto che siano personalizzate.

Facebook e interazioni: ecco perché aiutano a stare meglio

Il mondo reale non è come quello virtuale. Vero, verissimo. Ma c’è qualcosa di quello che accade sui social, in particolare su Facebook, che può avere ripercussioni positive sul nostro benessere, quasi come se fosse accaduto nella “vita vera”! Parliamo delle interazioni, quelle personalizzate. A dirlo è una recente ricerca svolta in Pennsylvania, dalla Carnegie Mellon University, secondo la quale i commenti dei nostri amici ai nostri post su Facebook, ci farebbero stare bene!

Chi lo avrebbe mai detto che sarebbe arrivata la scienza a spezzare una lancia in favore delle relazioni di amicizia sui social? Eh già, perché di recente molte sono le teorie in controtendenza che vogliono un ritorno, probabilmente impossibile, alla vita reale, quella di un tempo, quando si chiacchierava al bar e non dietro uno schermo. Ma qualcosa di positivo, a quanto pare, nelle interazioni sui social c’è.

Veniamo al dunque. Secondo la ricerca statunitense, poi pubblicata sul Journal of Computer-Mediated Communication, le interazioni su Facebook potrebbero essere positive per il nostro benessere, a patto che siano personalizzate. Parliamo quindi di commenti, risposte anche di qualche riga, ai nostri post, che fanno intendere ci sia stata la volontà da parte dell’altro di perdere qualche minuto per noi. Cosa che invece non accade con i like o le reactions recentemente introdotte su FB, le quali, invece, si registrano con un solo clic e senza pensarci troppo.

Questo è quello che spiega una ricercatrice dello studio Moira Burke: “Non c’è bisogno di chissà quale interazione per sentirci meglio. Parliamo anche di commenti di un paio di righe. È importante però che l’utente abbia l’impressione che l’amico che ha lasciato il commento si sia preso il giusto tempo per farlo. Questo semplice atto di comunicazione ricorda al destinatario l’importanza del rapporto con l’altro nella propria vita.

Lo studio è stato svolto su un campione di 1910 utenti di Facebook, di 91 nazionalità differenti. Mensilmente, per tre mesi, ogni utente ha dovuto rispondere ad alcuni test che ne valutavano stato emotivo. Ciò che è emerso è che le suddette reazioni (dunque quelle personalizzate) precedevano l’innalzamento dei livelli di soddisfazione e felicità.

Secondo gli autori della ricerca i risultati appurati dimostrerebbero che i social non siano causa di depressione e solitudine, come altri studiosi ritengono. Resta il fatto, però, che stiamo parlando dell’influenza sul nostro benessere che avrebbero le interazioni personalizzate e non quelle che invece avrebbe l’utilizzo del social in generale. Quello, a nostro avviso, non è esattamente la stessa cosa: il fatto che i commenti ai nostri post ci rendano felici, non vuol dire infatti che alienarsi nei social, possa fare altrettanto!