WEB RADIO

RMC Hits
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Great Artists
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Xmas Radio
 
Music Star Coldplay
 
rmc
 
Radio Festival
 
RMC 80
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Bau & Co
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Italia
 
Radio Kay Kay
 
RMC Marine
 
Music Star Zucchero
 
RMC 90
 
Music Star Jovanotti
 
Monte Carlo Nights Story
 
MC2
 
Music Star Giorgia
 
RMC New Classics
 
RMC Love Songs
 
RMC Duets
 

Malika Ayane: Grovigli

Malika Ayane: Grovigli

Gioca e vinci Grovigli di Malika Ayane

Ricomincia da qui, parafrasando il titolo della splendida canzone interpretata al Festival di Sanremo 2010, e ricomincia bene Malika Ayane. Perché, dopo aver incantato il mondo della musica (tra i suoi fan, Paolo Conte, Giuliano Sangiorgi, Pacifico) e quello del cinema (registi come Paolo Virzì e Massimo Venier hanno voluto suoi brani per i loro film), adesso ha affascinato definitivamente pubblico e critica con il suo secondo album (di solito prova difficile per una star emergente), “Grovigli” (prodotto e arrangiato da Ferdinando Arnò, compositore anche della musica di "Ricomincio da qui" e di gran parte dei brani contenuti nei due album dell'artista), elegante e ricco di sonorità avvolgenti e stimolanti. Un disco in cui Malika sviluppa e affina le sue doti da autrice (suoi sono infatti i testi di "Sogna" e "Satisfy my soul"), grazie anche all’esperienza maturata durante il lungo tour (prima italiano poi europeo), la collaborazione con Andrea Bocelli (insieme hanno inciso “Blue Christmas”), la partecipazione ad Amiche per l’Abruzzo, il grande concerto di beneficenza organizzato l’estate scorsa da Laura Pausini. “Grovigli” sfodera come traccia d’apertura proprio il brano “Ricomincio da qui”, che vede la collaborazione di Pacifico e nasce dalla suggestione lasciata in Malika da una poesia di Jaques Prevert, “Déjeuner du matin” e si sviluppa proponendo canzoni come “La prima cosa bella”, rilettura dell’originale di Nicola Di Bari (e presente nella colonna sonora dell’omonimo film di Paolo Virzì) e “Little Brown Bear”, emozionante duetto con Paolo Conte. Sono da segnalare anche “Believe in love”, di e con Cesare Cremonini, e “Mille”, che vede all’opera anche Luca Gemma, autore per Fiorella Mannoia. Un disco ricco e compiuto, che la stessa Malika descrive così: «Questo disco è secondo me l'evoluzione naturale del primo. Per la tipologia di canzoni, i testi e gli arrangiamenti è un lavoro molto più elaborato e complesso ma paradossalmente più facile da cogliere. Durante la realizzazione sono stata impegnata all'estero e in Italia, cose che hanno impedito una mia presenza costante in studio, ma che mi hanno cresciuta molto vocalmente e che mi hanno permesso di comprendere come elaborare e focalizzare i sentimenti e gli stati d'animo e quindi trasformarli in melodie canzoni o semplicemente energie utili a rendere autentico ciò che faccio ed è importante per me». Un album ricco di atmosfera e ottima musica, che conferma tutte le doti di Malika, dedita alla musica di qualità fin da bambina, quando decide di iscriversi al Conservatorio di Milano (è studentessa di violoncello) e viene scelta per far parte dell’ensemble del Coro di Voci Bianche del Teatro alla Scala. Ma non sarà la musica classica a segnare il suo futuro. Perché a lanciare Malika nel mondo della musica è l’incontro fortunato con Caterina Caselli della casa discografica Sugar. È il 2007: Malika inizia a lavorare al suo omonimo esordio discografico, affiancata da maestri come Paolo Conte (che scrive per lei “Fandango” e per definirla afferma poeticamente «Il colore di questa voce è un arancione scuro che sa di spezia amara e rara»), Pacifico (autore di “Sospesa” e “Contro vento”), Giuliano Sangiorgi (che firma “Perfetta”). Malika si fa conoscere e amare con “Feeling Better”, in vetta ai brani più trasmessi dalle radio per oltre quattro mesi, e consolida la sua fama (e la stima e l’affetto di pubblico e critica) con il brano scelto per la sua partecipazione al Festival di Sanremo del 2009, “Come foglie” (testo e musica di Giuliano Sangiorgi). Anche il mondo del cinema si accorge di lei e dell’atmosfera magica che le sue canzoni sanno creare. Così il regista Massimo Venier vuole alcuni suoi brani (“Feeling better”, “Moon” e “Soul waver”) per il film “Generazione mille euro”, interpretato da Valentina Lodovini, Francesco Mandelli, Carolina Crescentini e Paolo Villaggio. Esperienza “cinematografica” che sarà ripetuta appunto con la colonna sonora del film di Virzì, “La prima cosa bella”, con Stefania Sandrelli e Valerio Mastandrea. Ma le soddisfazioni di Malika, c’è da giurarci, non finiscono qui. Perché l’artista, da poco insignita del premio di MTV First Lady, è pronta a partire per i suoi concerti di giugno e luglio. E regalare così altre nuove emozioni ai suoi numerosissimi fan. malika ayane download