Vinci l'album di Angelique Kidjo

Vinci l'album di Angelique Kidjo

Vinci l'album di Angelique Kidjo

Vinci l'album di Angelique Kidjo
Un album fedele alle proprie radici, ma capace di aprirsi e spaziare guardando al resto del mondo: è “Oyo”, l’ultimo album di Angelique Kidjo, la first lady musicale d’Africa. Ascoltando le tracce dell’album si capisce il perché: grande soul jazz e pregiati standard R&B si miscelano a perfezione con melodie tipiche del Benin, paese natale dell’artista. Basta ascoltare brani come la delicata ninna nanna “Lakutsn Llanga”, dedicata a Miriam Makeba, o la trascinante “Mbube”, versione originale di “The Lion Sleeps Tonight”. Un classico come “Samba Pa Ti” di Carlos Santana si trasforma in una ballad dal fascino potente, mentre “Baby I love you” di Aretha Franklin è riproposta in una versione particolarmente ispirata. È tutto brio “Kelele”, creata da Angelique con Vinicius Cantuaria, ed è esotica alla massima potenza “Dil Main Chuppa Ke Pyar Ka”, mix riuscito di sound Bollywood e ritmi africani. La voce dell'Africa Basta dunque ascoltare anche solo una volta l’album per capire come mai Angelique Kidjo sia stata definita da Time Magazine “la premiere diva dell’Africa”. Angelique Kidjo merita senza dubbio questa definizione: nativa dell’Africa Occidentale, inizia la sua carriera cantando nella lingua della tradizione, lo Yoruba, e ispirandosi a nomi come Miriam Makeba, James Brown, Otis Redding e Jimi Hendrix. Amata dalle star Capace di cantare sia in francese che in inglese, oltre che in parecchie lingue africane, Angelique è scoperta dal fondatore della Island Records, Chris Blackwell. Collabora con star come Branford Marsalis, Peter Gabriel, Carlos Santana, Herbie Hancock, Bono. È richiesta per eventi prestigiosi come il Live 8 (2005), la cerimonia di insediamento del Presidente Barack Obama (2009), la cerimonia di apertura dei Mondiali di Calcio a Città del Capo. Nel 2008 è premiata con il Grammy Award nella categoria Best Contemporary World Music Album per il disco “Djin Djin”. È ambasciatrice di buona volontà dell’Unicef e ha dato vita all’associazione Batonga Foundation per favorire l’istruzione delle ragazze africane. Le sue canzoni sono presenti in molte colonne sonore di film, tra cui “Blood Diamond”, con Leonardo DiCaprio e “Caro diario” di Nanni Moretti.
 

Now on air