WEB RADIO

rmc
 
RMC New Classics
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Jovanotti
 
RMC 80
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Zucchero
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Duets
 
Music Star Giorgia
 
Radio Bau & Co
 
RMC Italia
 
RMC 90
 
Radio Kay Kay
 
RMC Love Songs
 
Music Star Coldplay
 
RMC Hits
 
RMC Great Artists
 
Radio Festival
 

Buon compleanno Sade

Buon compleanno Sade

La raffinata artista è nata il 16 gennaio 1959. La festeggiamo con una photogallery e una playlist su Spotify

La raffinata artista è nata il 16 gennaio 1959. La festeggiamo con una photogallery e una playlist su Spotify guarda la gallery A volte la parola classe è usata a sproposito. Basta qualche soul singer di belle speranze (e buon ufficio promozionale) a far spendere termini importanti come stile e capolavoro. Parole di peso, che andrebbero usate solo quando è il caso. E con Sade è davvero il caso. Liriche intense e personali e una sensuale ricchezza di sonorità e arrangiamenti, che fanno ben meritare all’artista il soprannome di “quiet storm”, “tempesta tranquilla”. Regale, pacata e insieme capace di far vibrare tutte le corde dell’animo, Helen Folasade Adu è nata a Ibadan, in Nigeria, dal professore di economia Adebisi Adu e dall’infermiera inglese Anne Hayes. L’unione dura poco, ben presto la piccola Helen (non ancora Sade) si trasferisce con mamma e fratello in Inghilterra, a Clacton-on sea, e cresce tra dance club e passione per il jazz e il soul. Ai tempi, Helen si sogna stilista. Laurata alla prestigiosa scuola di moda St. Martin’s College of Art, arrotonda i magri guadagni da creatrice di moda facendo la modella. E bazzica sempre i music club. Così, quando, pur senza esperienza è scelta come back up singer dai Pride, nulla fa presagire una carriera nella musica. E invece… Il suo talento è tale che i Pride diventano la band di Helen, adesso Sade! È il 1983, la cantante e il suo gruppo, dopo uno show all’Institute of Contemporary Arts, si conquistano già un contratto con una major. L’anno successivo è quello di “Diamond Life”, del celeberrimo pezzo “Smooth Operator”. Dei sei milioni di copie vendute, del Grammy e del Brit Awards. Seguono album come “Promise” (1985, spinto da “Sweetest Taboo”) e “Stronger Than Pride” (1988). In questo periodo Sade si sposa e divorzia, accentua la sua timidezza e decide di costruire uno studio di registrazione nella propria casa. Il ritorno è del 1992, con “Love Deluxe”. A questo punto, la pausa: l’artista si dedica al nuovo compagno, il produttore Bob Morgan, al loro bambino e a una tranquilla vita familiare in Giamaica, interrotta solo dalla preparazione di un un best of e un progetto multimediale con video, foto e brani musicali. Fino al nuovo, emozionante disco: “Soldier of Love”,  che ne segna il ritorno sulle scene nel 2010. Il 2011 è l’anno del best “The Ultimate Collection”, seguito l’anno successivo dal memorabile live video album “Bring Me Home: Live 2011”