WEB RADIO

Music Star Pino Daniele
 
Xmas Radio
 
RMC New Classics
 
Radio Bau & Co
 
RMC Hits
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Festival
 
RMC Italia
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Giorgia
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Marine
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Great Artists
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC 90
 
rmc
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Zucchero
 
MC2
 
RMC Love Songs
 
RMC Duets
 
RMC 80
 

Buon compleanno Sade

Buon compleanno Sade

La raffinata artista è nata il 16 gennaio 1959. La festeggiamo con una photogallery e una playlist su Spotify

La raffinata artista è nata il 16 gennaio 1959. La festeggiamo con una photogallery e una playlist su Spotify guarda la gallery A volte la parola classe è usata a sproposito. Basta qualche soul singer di belle speranze (e buon ufficio promozionale) a far spendere termini importanti come stile e capolavoro. Parole di peso, che andrebbero usate solo quando è il caso. E con Sade è davvero il caso. Liriche intense e personali e una sensuale ricchezza di sonorità e arrangiamenti, che fanno ben meritare all’artista il soprannome di “quiet storm”, “tempesta tranquilla”. Regale, pacata e insieme capace di far vibrare tutte le corde dell’animo, Helen Folasade Adu è nata a Ibadan, in Nigeria, dal professore di economia Adebisi Adu e dall’infermiera inglese Anne Hayes. L’unione dura poco, ben presto la piccola Helen (non ancora Sade) si trasferisce con mamma e fratello in Inghilterra, a Clacton-on sea, e cresce tra dance club e passione per il jazz e il soul. Ai tempi, Helen si sogna stilista. Laurata alla prestigiosa scuola di moda St. Martin’s College of Art, arrotonda i magri guadagni da creatrice di moda facendo la modella. E bazzica sempre i music club. Così, quando, pur senza esperienza è scelta come back up singer dai Pride, nulla fa presagire una carriera nella musica. E invece… Il suo talento è tale che i Pride diventano la band di Helen, adesso Sade! È il 1983, la cantante e il suo gruppo, dopo uno show all’Institute of Contemporary Arts, si conquistano già un contratto con una major. L’anno successivo è quello di “Diamond Life”, del celeberrimo pezzo “Smooth Operator”. Dei sei milioni di copie vendute, del Grammy e del Brit Awards. Seguono album come “Promise” (1985, spinto da “Sweetest Taboo”) e “Stronger Than Pride” (1988). In questo periodo Sade si sposa e divorzia, accentua la sua timidezza e decide di costruire uno studio di registrazione nella propria casa. Il ritorno è del 1992, con “Love Deluxe”. A questo punto, la pausa: l’artista si dedica al nuovo compagno, il produttore Bob Morgan, al loro bambino e a una tranquilla vita familiare in Giamaica, interrotta solo dalla preparazione di un un best of e un progetto multimediale con video, foto e brani musicali. Fino al nuovo, emozionante disco: “Soldier of Love”,  che ne segna il ritorno sulle scene nel 2010. Il 2011 è l’anno del best “The Ultimate Collection”, seguito l’anno successivo dal memorabile live video album “Bring Me Home: Live 2011”