Omaggio a Phil Collins

Omaggio a Phil Collins

Phil Collins è nato il 30 gennaio 1951 a Londra. Lo festeggiamo con una photogallery e una playlist su Spotify Guarda la gallery Ha emozionato gli amanti della musica di tutto il mondo, Phil Collins, sia con i Genesis che durante il suo periodo da artista solista. Dal 1970 a oggi l’artista ha collezionato grandi successi (con Paul McCartney e Michael Jackson, è uno dei tre musicisti ad aver venduto oltre cento milioni di copie sia come membro di un gruppo che come solista), live indimenticabili e l’affetto riconoscente del pubblico. È dunque una buona notizia quella secondo cui Collins, dopo aver annunciato il ritiro dalle scene in seguito all’operazione a una vertebra del collo che gli ha reso doloroso suonare la batteria, stia invece pensando a un ritorno sulla scena musicale. Per adesso l’ultimo suo album è  “ Going Back ”, grande tributo ai classici della musica soul e ai suoi intramontabili maestri, dai Temptation a Stevie Wonder, da Martha And The Vandellas ai Four Tops. Amore, gratitudine e un’emozione profonda è poi quello che deve aver provato il fortunato pubblico dei suoi concerti speciali dedicati a questo disco al Roseland Ballroom di New York, svoltisi dal 22 al 25 giugno del 2010 con uno straordinario ensemble di diciotto coristi e musicisti, tra cui proprio i Funk Brothers. Anche se forse il più emozionato e felice sarà stato proprio Collins, che coronava così un suo sogno musicale. Il compositore e musicista britannico è nato a Chiswick, un distretto di West London. Fin da piccolo innamorato della batteria (ne riceve una a Natale quando ha appena cinque anni) grazie a un annuncio letto sulla rivista musicale Melody Maker si presenta a un’audizione e ottiene il posto di batterista per i Genesis. È il 1970, e da allora Collins è “il batterista” della celeberrima band, con cui incide album passati alla storia come “ Nursery Crime”, “ Selling England By The Pound”, “ The Lamb Lies Down On Broadway”. Dal 1976, con l’abbandono di Peter Gabriel, Phil diventa anche il cantante del gruppo, che registra altri dischi di successo come “ Abacab” e “ Invisible Touch”. Nel 1996 Collins si dà alla carriera solista, collabora tra gli altri con Quincy Jones, Tina Turner, Robert Plant, Pete Townshend, Eric Clapton, e dà vita alla sua jazz band, i Brand X. Tra i suoi album da solista, ricordiamo “ Face Value”, “ Hello, I Must Be Going”, “ No Jacket Required”. Collins appare anche in un episodio della serie tv “Miami Vice” e recita in film come “ Buster” (è il protagonista della pellicola ispirata alla grande rapina al treno Londra-Glasgow del 1963) e “ Hook” di Steven Spielberg (è l’Ispettore Good). Nel corso della sua lunga carriera, vince sette Grammy Award, sei Brit Award e due Golden Globe. Vince anche l’ Oscar per le canzoni composte per il film della Disney “ Tarzan” (1999). Meno noto invece il riconoscimento ottenuto dalla McMurray University di Abilene, che gli ha conferito il titolo onorifico di Dottore in Storia. Collins è infatti un grande esperto di storia della Rivoluzione Texana e possedeva una ricca collezioni di cimeli risalenti al periodo che ha donato al museo The Alamo di San Antonio, in Texas.

Now on air