Mal d’auto e mal d’aereo? Ecco come combattere la cinetosi

Mal d’auto e mal d’aereo? Ecco come combattere la cinetosi

Sono tanti i soggetti che soffrono il “mal di movimento”, la patologia che provoca stordimento, nausea, vomito e malessere generale

Avete mai sentito parlare di cinetosi (o chinetosi)? Questo è il termine tecnico che si utilizza per descrivere il cosiddetto “mal di movimento”, quella particolare patologia che colpisce le persone che si sentono male quando viaggiano in auto, in treno, in aereo o anche quando vanno sulle giostre o giocano ai videogames. La cinetosi infatti deriva dal fatto che il nostro cervello non riesce a coniugare al meglio ciò che vede con ciò che percepisce: ciò accade quando il nostro orecchio ad esempio registra un movimento, ma l’occhio non lo vede, oppure il contrario (es. viaggio su una nave). È il nostro apparato vestibolare a causare questo mal di movimento, l’apparato cioè che si occupa della sensibilità spaziale, della percezione dello corpo nello spazio.

A soffrire di cinetosi sono in tanti, in particolare i bambini dai 2 ai 12 anni, coloro che soffrono di mal di testa, le donne in gravidanza, sotto terapie ormonali o durante il ciclo mestruale e coloro che seguono terapie di antibiotici, antidepressivi, oppiacei. I sintomi più comuni della cinetosi sono una sensazione di malessere generale che può portare a nausea, vomito, stordimento, sonnolenza, stanchezza, mal di testa e nei casi peggiori a pallori e sudori a freddo. Purtroppo non vi sono terapie specifiche che possano contrastare il “mal di movimento”, per tale ragione i medici in genere prescrivono alcuni farmaci atti a bloccare l’insorgenza di tale disturbo: vengono comunemente utilizzati antistaminici con effetto sedativo e scopolamina mentre tra i più piccoli è piuttosto diffuso il dimenidrinato, da somministrare almeno 30 minuti prima dell’inizio del viaggio. Esistono in commercio anche dei particolari braccialetti anti-nausea che sfruttano i principi dell’agopuntura e stimolano alcuni punti dell’avambraccio che alleviano il senso di nausea.

In ogni caso per prevenire l’insorgere della cinetosi vi sono alcuni consigli pratici che possono venire in aiuto a chi ne soffre: quando si viaggia, ad esempio, meglio posizionarsi nella parte anteriore del mezzo così che si riesca a vedere la strada (nel caso di auto e bus), chi viaggia in aereo deve preferire i sedili vicino l’ala, chi sceglie il treno deve scegliere un posto anteriore e vicino al finestrino. Più complicati i viaggi in nave, in tal caso è necessario guardare l’orizzonte o, nei casi si soffra il mal di mare, sdraiarsi a pancia in giù con gli occhi chiusi. Inoltre è fondamentale muoversi il meno possibile, evitare l’utilizzo di apparecchi elettronici (smartphone, videogiochi, tablet, pc), evitare di leggere e scrivere. Meglio invece ascoltare musica, viaggiare di notte e non mangiare pesante prima di mettersi in viaggio.

Now on air