La posizione della meditazione

Cinque minuti di silenzio per cambiare la vita

La meditazione è un potente strumento per ritrovare la pace e allontanare lo stress

La meditazione, qualunque sia il tempo dedicatole, aiuta moltissimo e dovrebbe essere eseguita con costanza. Infatti, è la chiave per essere più calmi e concentrati tutto il giorno, soprattutto se eseguita al mattino. Secondo molti studi infatti, meditazione e riduzione della materia grigia nell’amigdala (la regione del cervello che ha un ruolo fondamentale nel regolare ansia e emozioni) sono interconnesse.  

 

È stato dimostrato che appena cinque minuti di meditazione migliorano l’attenzione e abbassano il livello di stress, oltre a far diminuire del 42% i problemi di insonnia. Questa pratica sembra modificare proprio la chimica del cervello, rendendo le persone più resilienti davanti alle difficoltà. Non solo: aiuta a far respirare meglio poiché nel tempo rende automatico eseguire il respiro corretto durante la giornata. Migliorare la qualità della vita è molto semplice: basta un po’ di silenzio.

 

Ma come si fa a meditare? Si spegne ogni rumore e ci si concentra sul respiro, questa la base per una corretta esecuzione: bisogna sedersi in un posto tranquillo e iniziare a concentrarsi su differenti aspetti della respirazione, come il suono e la sensazione provata a ogni respiro. Prima di cominciare si può puntare una sveglia per cinque minuti, in modo da non distrarsi e lasciarsi completamente andare al semplice… essere. La postura prevede gambe incrociate e schiena dritta, con le braccia abbandonate sulle cosce; occhi aperti, per evitare di essere sommersi da mille pensieri chiudendoli.

 

La meditazione non costa fatica ma migliora sensibilmente la qualità della vita: meditare, o quantomeno provarci, è un’ottima soluzione contro l’accumulo di stress derivante dalla società contemporanea in cui viviamo, troppo frenetica e poco concentrata sulle emozioni.

 

Now on air