Opel Adam Rocks

test

Opel Adam Rocks

Spalle larghe, muscolatura imponente, ruote maggiorate e sguardo da cattiva. Opel Adam Rocks affronta in 3 metri e 75 il nuovo tema della mobilità del futuro: un po’ suv e un po’ cross over per muoversi in città. Lo dicono i numeri: oggi il 48 per cento della popolazione mondiale vive nelle metropoli, fra pochi anni questa quota salirà al 70 per cento, ecco perché le case auto si concentrano sulla mobilità del futuro, che sarà sempre più cittadina, magari al femminile che però vuole mostrare i muscoli.
Il look tanto per cominciare, va bene essere piccoli, va bene essere fashion, ma gli elementi di spicco devono esserci tutti. I cerchi in lega da 17 pollici, i passaruota allargati, gli interni rifiniti con estrema cura, il tetto dell’auto pieno di luci che ricordano in cielo stellato in una notte di passione. E una vasta gamma di colori e abbinamenti, in modo che ogni auto sia unica e si possa indossare come un vestito esclusivo
Le auto ormai non le fanno i tecnici, ma i design, gli psicologici che cercano i nuovi stili di vita, dall’urban chic al country man per eccellenza. Non deve stupire se Adam, primo uomo sulla terra, in fondo piace a Eva. Più è maschile la vettura, maggiore è l’appeal per le donne, i dati dicono che Opel vende al 60 per cento al gentil sesso una vettura al maschile. E qui parte il primo controsenso, per affermare la femminilità di una vettura, la si veste da uomo. Un uomo con un cuore piccolo, però. Il nuovo motore è un mille di cilindrata, appena tre cilindri, potenze da 90 e 115 cavalli, consumi sui 25 km al litro. Come dire look, aggressiva, modaiola, fashion, ma che non beva troppo, in famiglia siamo astemi. E con un prezzo base di partenza da 16750 euro, Opel Adam Rocks va a colpire proprio quella fascia chic e senza impegno di chi vive al meglio tutto ciò che lo circonda.

Now on air