I 100 consigli fitness- 25- Se il personal trainer è low-cost, stanne alla larga

RMC DOC- Starbene

I 100 consigli fitness- 25- Se il personal trainer è low-cost, stanne alla larga

Quando il vantaggio economico si traduce in svantaggio per la salute

Il lavoro del personal trainer è un mestiere antico, che però si è esteso un po' troppo. E' come se a un certo punto, da pochi allenatori in circolazione davvero specializzati e molti buoni trainer che si danno da fare in palestra, si fosse invertito il trend: un'ondata di “tutti esperti”.

Oggi, a dare un'occhiata in giro sia fisica, ovvero osservando nelle palestre più disparate e un'occhiata digitale, cioè scandagliando il web, si trovano vere e proprie schiere di personal trainer super-certificati con pochi giorni di stage. La provenienza tecnica, giammai da noi giudicabile rispetto ai contenuti dei corsi a cui queste schiere di personal trainer partecipano, produce pseudo-professionisti che visti al lavoro, sul campo, non segnalano grande attenzione per lo stato di forma del proprio cliente.

Non di rado s'assiste a una lezione in piena regola dove la preoccupazione del personal-trainer è mantenere il ritmo sulla tastiera del telefono per uno scambio frenetico su whatsapp, piuttosto che controllare il ritmo delle salite-discese sullo step della malcapitata signora. Molto probabilmente, la malcapitata signora in esame avrà selezionato quel personal-trainer sulla base di una trattativa di prezzo che le ha arrecato vantaggio al portafogli. Pagandone però il prezzo vero: quel vantaggio economico si sta rivelando come un enorme svantaggio di salute. Fatti due conti e messi sulla bilancia svantaggi economici e svantaggi fisici, meglio stare alle larga dalle politiche low-cost quando mettiamo nelle mani di qualcuno la nostra salute.

Roberto Romano

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto

Now on air