WEB RADIO

RMC New Classics
 
RMC Italia
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Love Songs
 
RMC Great Artists
 
RMC 80
 
Music Star Tiziano Ferro
 
rmc
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Jovanotti
 
RMC 90
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Zucchero
 
RMC Duets
 
Music Star Giorgia
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Coldplay
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo FM
 
MC2
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Festival
 
RMC Hits
 

RMC DOC- Starbene

Olio di semi o olio d'oliva?

Chi è il vincitore in questa annosa battaglia tra oli?

Olio di semi o olio d'oliva?

A volte si ritiene che l’olio di semi sia meno calorico dell’olio di oliva e che questo sia il motivo per cui è proposto. Tutti gli oli hanno le stesse calorie, cioè 9 kcal/gr.

Nel pratico, 90 calorie per un cucchiaio da tavola di olio. Una corretta alimentazione dovrebbe apportare una quantità uguale di grassi saturi, monoinsaturi, come quelli dell’olio di oliva, e polinsaturi, come quelli dell’olio di semi, del pesce e della frutta secca. Tra i grassi polinsaturi vi sono i grassi essenziali che svolgono funzioni importanti, tra le quali la riduzione del colesterolo totale e di quello dannoso (LDL).

Se il consumo di pesce e di frutta secca è limitato, si rischia di non apportare una quantità adeguata di grassi essenziali, per cui l’olio di semi può venire in aiuto. Tuttavia, l’olio di oliva ha molti altri vantaggi: è più stabile alle alte temperature e può essere utilizzato per cucinare, per friggere e a crudo, mentre l'olio di semi è più adeguato per l’uso a crudo, o in aggiunta ai prodotti da forno come il pane e le torte. Inoltre, l'olio di oliva si conserva bene a temperatura ambiente, anche per diversi mesi, mentre l'olio di semi, a causa dei grassi polinsaturi che irrancidiscono facilmente, va consumato entro qualche settimana. Quindi: è opportuno utilizzare l’olio di oliva e consumare pesce e frutta secca.

Diana Scatozza

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto