R= Revolution Fitness

RMC DOC- Starbene

R= Revolution Fitness

Guida al fitness dalla A alla Z - R= Revolution Fitness

Ogni giorno, carta, web e televisioni ci raccontano di nuove tendenze nell'allenamento, di nuovi modelli di palestra, di tecniche che in pochi minuti e per una sola volta a settimana, ci regaleranno la migliore delle condizioni. Non è così. Nel fitness, come nello sport, la rivoluzione non è contemplata.

Al massimo qualche riformina, perché tutto passa sempre attraverso due elementi: noi e l'istruttore. Da che mondo è mondo, se dobbiamo giocare a calcetto con gli amici o organizzare un incontro di tennis amatoriale, nessuno s'interporrà tra noi e l'attività sportiva. Noi saremo padroni della performance, vittoria o sconfitta che sia. E tutto sommato potremo raccontarla come ci pare: rigore negato, gol in fuorigioco, palla fuori o dentro.

Nel fitness, l'annosa questione è se siamo migliorati o no dopo un certo periodo di frequenza alla palestra. Qualche parametro: spazio percorso sul tapis roulant maggiore a parità di tempo rispetto all'inizio, peso superiore sollevato dopo qualche settimana, centimetri di vita in meno e di braccia in più se questo era il nostro obiettivo iniziale. Se quello specchio implacabile racconterà sempre la stessa storia, pur avendo provato gli allenamenti più 'trendy', vorrà dire che la famosa fitness revolution garantitaci era una misera strategia di marketing.

La rivoluzione del fitness va nella direzione opposta: smette di raccontare miracoli che non avvengono mai e si mette a disposizione dell'allievo. Un esempio di centro fitness dallo stile rivoluzionario? Prima d'imporci l'iscrizione alla sala pesi, ci dirotta verso una lezione di yoga. Un esempio d'istruttore del cosiddetto stil novo? Prima di guidarci all'uso degli attrezzi, passa una settimana intera ad insegnarci a respirare. Questa è fitness revolution.

Roberto Romano

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto

Now on air