WEB RADIO

Radio Bau & Co
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Marine
 
Xmas Radio
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Festival
 
RMC Great Artists
 
RMC Love Songs
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Hits
 
Music Star Giorgia
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Zucchero
 
rmc
 
RMC 90
 
RMC Italia
 
Radio Monte Carlo FM
 
MC2
 
Music Star Coldplay
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Duets
 
RMC New Classics
 
Music Star Jovanotti
 
RMC 80
 
Music Star Pino Daniele
 

RMC DOC- Starbene

Noia in palestra

Gli accorgimenti per tenere sempre vivo l'interesse

Noia in palestra

Non riuscire a concentrarsi durante l’allenamento non è un buon segnale: siamo alla frutta, perché il gioco non ci diverte più. A quel punto, sia il trainer che il 'fitnessista' che lo segue, devono saper leggere la partita, che prevederà un immediato cambio di strategia: per stare sull'esempio basti pensare all'allenamento dei polpacci, saltati a piè pari quando non ne possiamo più per correre sotto la doccia a rilassarci. Soluzione: ribaltare il piano di esercizi previsti e prendere il malcapitato per le orecchie costringendolo a sostituire il warm-up iniziale con 5 minuti di sollevamenti sull'avampiede.

Il segreto è spiazzare

Spiazzare, è questa la soluzione. Spiazzare per soffiare sulla brace palestrara. La noia arriva perché la passione per esercizi sempre uguali scatta solo per i fissati, mentre per i due terzi dei frequentatori palestra la fuga è dietro l'angolo. Anche creare un mix di esercizi terra-acqua può essere una soluzione: se stiamo facendo un allenamento coi pesi che preveda una sessione finale di nuoto in piscina, si potrà invertire occasionalmente l'accoppiata. La noia è collegata coi sistemi d'allenamento tradizionali che prevedono serie e ripetizioni tutte uguali e che non dovendo rispondere a sollecitazioni o variabili esterne come in una partita di tennis o calcio, richiedono tenacia. Ma se in questi schemi il trainer e l'allievo non ci mettono del loro, per esempio togliendo di mezzo gli esercizi odiati ma più utili piazzandoli all'inizio del training, il rapporto maestro/allievo non porterà a risultati. Il contrario della noia è la trance-agonistica, che scatta quando ci si avvia verso una sequenza completamente nuova di esercizi. Occhio all'over-training in questo caso, ma se non riusciremo a fermarci più, stra-entusiasmo, vorrà dire che avremo superato il blocco e alzato l'asticella.

Roberto Romano

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto