Come funziona la PRP contro la calvizie

Come funziona la PRP contro la calvizie

Alla scoperta di un trattamento efficace per risolvere questo problema

Oggi parliamo di un problema che sta a cuore a molti: la calvizie. Qual è la soluzione migliore per le forme iniziali? I nostri esperti suggeriscono la PRP (Platelet Rich Plasma) HT (hair therapy), cioè la terapia rigenerativa specifica per i capelli: dà nuovo vigore ai follicoli grazie alle piastrine contenute nel sangue di chi si sottopone al trattamento.

Il trattamento

Funziona così: il medico preleva dal paziente un piccolo campione ematico, lo centrifuga immediatamente all’interno di una speciale provetta in modo da concentrare le piastrine, separandole dagli altri elementi del sangue, e poi le inietta con microiniezioni, fastidiose ma non dolorose, nelle aree dove i capelli sono più diradati. Le piastrine rigenerano i bulbi e stimolano le cellule staminali presenti nel cuoio capelluto, riattivando in questo modo la crescita dei capelli. Gli effetti sono visibili già dopo 3 mesi dall’inizio del trattamento. In genere sono necessarie 3 sedute della durata di circa 30 minuti l’una, da effettuare a distanza di 3 mesi.

Sabrina Barbieri

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto

Now on air