Alimentazione e colite irritativa

RMC DOC- Starbene

Alimentazione e colite irritativa

Come guarire in poche mosse

La colite irritativa altro non è che un "cagotto" che si scatena ogni volta che ingeriamo un alimento men che gradito dal nostro organismo. Ignorare una colite può voler dire, alla lunga, favorire deperimento, demuscolazione, depressione e creare l'ambiente perfetto per una malattia infiammatoria intestinale come il Crohn o la rettocolite ulcerosa. Con l'alimentazione, tuttavia, si può fare molto. Innanzitutto serve identificare gli alimenti che generano reazione immediata e temporaneamente escluderli. Frequenti sono le reazioni a caffè, latticini, prodotti fermentati, prodotti industriali, zucchero, salumi, farine raffinate. Spesso alla base di una colite c'è invece un sovraccarico di alcuni cibi, che ancora possono essere glutine, latticini, lievitati, nichel. Se il corpo è sovraccarico di alcuni di questi cibi, tenderà a liberarsene al più presto, e una delle vie più semplici e immediate è proprio quella dell'evacuazione. Una dieta equilibrata e sana (che ruoti gli allergeni più pericolosi) è la miglior politica preventiva contro la colite. La soppressione farmacologica del sintomo ricaccerà invece indietro la causa della colite.

Luca Speciani

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto

Now on air