WEB RADIO

Radio Festival
 
Music Star Zucchero
 
Radio Kay Kay
 
RMC 80
 
RMC Hits
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC 90
 
RMC Love Songs
 
Music Star Giorgia
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Jovanotti
 
Xmas Radio
 
Monte Carlo Nights Story
 
rmc
 
Radio Bau & Co
 
RMC Italia
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Marine
 
MC2
 
Music Star Coldplay
 
RMC Duets
 
RMC Great Artists
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC New Classics
 

C’era una volta in America: le scene aggiunte nella versione finale

Il capolavoro di Sergio Leone è stato riportato alla versione originaria voluta dal regista solo nel 2012: ecco le immagini che erano state tagliate

C'era una volta in America

È “C’era una volta in America” il film più amato secondo il nostro sondaggio: il capolavoro di Sergio Leone ha infatti superato classici come “Colazione da Tiffany “ e “Casablanca”.

clicca qui per vedere i risultati del nostro sondaggio: CINE SONDAGGIO

Un cast stellare e una grande colonna sonora

Il motivo di tanto successo sta nel fascino della vicenda narrata del regista, una storia di amicizia, amore e tradimento, ambientata negli anni del proibizionismo (anche se con salti temporali che fanno viaggiare lo spettatore in una magica New York dei primi del Novecento e dei concitati anni Sessanta), nel talento di un cast stellare (che vanta attori come Robert De Niro, James Woods e Elizabeth McGovern) e nella emozionante colonna sonora di Ennio Morricone.

La lavorazione della pellicola è stata però travagliata, a partire dall’acquisizione dei diritti del romanzo da cui è tratta, “The Hoods”, dell’ex gangster Harry Grey.

Oltre dodici anni di lavorazione

Ci sono voluti più di dodici anni per poter girare un film tratto dal libro e per scriverne la sceneggiatura, inizialmente   affidata a Norman Mailer e poi a un team di diversi (e fidati) collaboratori italiani.

Le riprese furono effettuate a New York, naturalmente, ma anche in Florida, Canada, Parigi, Roma e Venezia. Particolarmente complicato fu il montaggio.  Le dieci ore di girato finali furono infatti  compresse in un film di appena due ore e trenta per il mercato statunitense. Un taglio drastico che rese l’opera pressoché incomprensibile al pubblico e ne causò l’insuccesso ai botteghini. In Europa invece la durata della pellicola fu di tre ore e 49 minuti, e l’accoglienza fu molto più calda.

La nuova versione

Nel 2012 è stata poi pubblicata la versione rimontata secondo la volontà di Sergio Leone (scomparso nel 1989) della durata di quattro ore e 19 minuti. Il laborioso lavoro di recupero e montaggio è stato svolto dalla famiglia Leone e dalla troupe originaria e il risultato è stato presentato in anteprima al 65 Festival del Cinema di Cannes. A essere aggiunte sono state sei scene, che vi mostriamo di seguito.

La cappella del cimitero

Noodles, il protagonista, scopre nel cimitero di Riversdale una cappella che porta il suo nome e ne chiede notizia alla direttrice del luogo. Lungo i viali del camposanto si aggira una misteriosa Cadillac nera

Dopo il tuffo con l’auto

Noodles, Max e Cockeye, adolescenti, finiscono in acqua con l’auto. Anni dopo, Noodles, di fronte alla villa di Max, vede esplodere la sua Cadillac nera

 

Prima della cena con Deborah

Noodles attende il suo amore di sempre Deborah e, parlando con l’autista della limousine, gli spiega la sua sua cinica filosofia di vita

Deborah nel ruolo di Cleopatra

Deborah a teatro è impegnata a recitare nell’ “Antonio e Cleopatra” di Shakespeare, Noodles tra il pubblico si commuove

Nella villa di Bailey

Max è a colloquio nella sua villa con Jimmy O’ Donnell, il sindacalista che tanti anni prima aveva aiutato con la sua la sua banda. L’epilogo è vicino…