WEB RADIO

Music Star Giorgia
 
rmc
 
RMC Marine
 
MC2
 
Radio Festival
 
RMC Duets
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Bau & Co
 
RMC New Classics
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Hits
 
Xmas Radio
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC 80
 
RMC Great Artists
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Kay Kay
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Love Songs
 
RMC Italia
 
RMC 90
 

Printemps Des Arts

Printemps Des Arts

Il grande Festival dedicato alla musica dal 15 marzo al 14 aprile a Monte Carlo

Printemps

Secondo weekend (22-24 marzo): la musica visionaria di Bartók, due prime mondiali e il "viaggio a sorpresa” ritmano le giornate primaverili di fine marzo a Monte-Carlo

Con il secondo weekend del Printemps des Arts si inaugura l'omaggio a Bartók. Cinque concerti distribuiti su tutta la durata della rassegna monegasca offrono un affresco del compositore ungherese che partendo dalla musica popolare dell'Europa orientale e del Medio Oriente ha saputo creare un linguaggio musicale assolutamente nuovo. La forza del suo stile, fonte inesauribile di vitalità, continua ad affascinare i musicisti e il pubblico di oggi. Per cogliere appieno lo spirito visionario Bartók il festival monegasco propone l'esecuzione integrale dei 6 quartetti di Bartók: un viaggio musicale che consente di ripercorrere le fasi evolutive della vena compositiva bartokiana e che traccia un momento fondamentale nella storia della musica per la valenza innovativa. Ad interpretarli, venerdì 22 e sabato 23 marzo (ore 20.30) nella splendida sala Garnier dell'Hôtel de Paris, quattro formazioni di eccezionale talento: il Quartetto Arditti, (conosciuto da più di 40 anni per avere eseguito tutto ciò che conta nell'ambito della musica contemporanea) e tre formazioni più giovani ma già affermate in ambito internazionale quali il Quartetto Parker fondato a Boston nel 2002, il parigino Quartetto Ardeo classe 2004 e il Quartetto Anima nato nel 2005 a San Pietroburgo. Al ciclo bartokiano guardano i due compositori contemporanei Philippe Manoury (nato nel 1952), e Laurent Cuniot (classe 1957) a cui il Printemps des Arts ha commissionato due nuove opere che verranno eseguite in prima assoluta rispettivamente venerdì e sabato.
"Melancolia” di Manoury sarà interpretata dal Quartetto Arditti mentre il "Sestetto con due violoncelli e due viole ‘Villa Adriana' ” sarà affidato al Quartetto Ardeo, affiancato da Christophe Desjardins(viola) e da Éric-Maria Couturier (violoncello).
In chiusura di questo secondo weekend, domenica 24 marzo, uno degli appuntamenti più attesi della rassegna della Côte d'Azur, il "viaggio a sorpresa”, che da anni riscuote grande successo di pubblico e critica. Lo spettatore acquista un biglietto per partecipare ad un viaggio musicale, che si svolgerà nell'arco di una giornata, senza conoscerne né la meta né il programma musicale.
II WEEKEND 22-24 marzo
PORTRAIT BARTÓK Notte dei Quartetti
VENERDÌ 22 MARZO 18H30 | HÔTEL DE PARIS - SALLE EMPIRE
Introduzione ai quartetti di Bartók a cura di Claire Delamarche, musicologa 20H30 | HÔTEL DE PARIS - SALLE EMPIRE
Bartók, Quartetto n. 4

Arditti Quartet Manoury, Melancolia - PRIMA MONDIALE commissione del SO.GE.DA e del Printemps des Arts Arditti Quartet Bartók, Quartetti nn. 3, 5 Parker Quartet
PORTRAIT BARTÓK Notte dei Quartetti

SABATO 23 MARZO| 20H30 | OPERA – SALLE GARNIER Bartók, Quartetto n. 1 Cuniot, Sextuor à cordes "Villa Adriana” - PRIMA MONDIALE commissione del Printemps des Arts Quatuor Ardeo Christophe Desjardins, viola Éric-Maria Couturier, violoncello Bartók, Quartetti nn. 2, 6 Anima Quartet
VIAGGIO A SORPRESA per sorprendere, scoprire, capire e vedere DOMENICA 24 MARZO Il biglietto comprende il concerto, il pranzo e il viaggio con partenza da Monaco (Stade Louis II, 12.15) o da Nizza (Promenade des Anglais vicino al Théâtre de Verdure, 12.30) e ritorno alle ore 19.30 circa

Si svolge all'insegna dell'imprevedibilità, dell'inventiva e dell'originalità la XXIX edizione del monegasco Festival Printemps des Arts, articolato in 5 weekend dal 15 marzo al 14 aprile 2013. La presentazione si è svolta giovedì 11 ottobre, nelle magnifiche sale del Casino di Monte-Carlo, recentemente restaurate. Il direttore artistico Marc Monnet ha messo in evidenza gli insoliti accostamenti del Festival, dalla musica colta occidentale alla tradizione musicale e coreografica della Cambogia e del Congo.
Il primo weekend (
15-17 marzo) è dedicato alle sonate per violino e per violoncello e ai trii con pianoforte di Beethoven. Tre gli straordinari interpreti: Tedi Papavrami (violino), Xavier Phillips (violoncello) e François-Frédéric Guy (pianoforte).
Nel secondo weekend (
22-24 marzo) si cambia registro con i quartetti di Bartók affidati alla sensibilità di artisti di eccezione, quali il Quartetto Arditti e a tre formazioni più giovani ma di talento: il Quartetto Parker, il Quartetto Ardeo e il Quartetto Anima. La musica del celebre compositore ungherese fa da cornice a due prime esecuzioni mondiali commissionate dal Printemps des Arts agli autori francesi Philippe Manoury e Laurent Cuniot.
Non manca un "classico” del festival che riscuote sempre grande successo: il "viaggio a sorpresa”. Il pubblico acquista un biglietto per partecipare a un viaggio musicale, che si svolgerà nell'arco di una giornata, senza conoscerne né la meta né il programma.
Raffinatezza e spiritualità sono i tratti distintivi della musica tradizionale khmer e del Ballet Royal du Cambodge protagonista del terzo weekend (
28 marzo-1 aprile). Si ritorna in Europa con la seconda parte del Portrait Bartók, dedicato alla vena cameristica (due sonate per violino e pianoforte e Danze popolari rumene) e alla produzione orchestrale (Il principe di legno e il Terzo concerto per pianoforte) nell'interpretazione dell'Orchestre Philharmonique di Monte-Carlo diretta da Karl-Heinz Steffens. Appuntamento con l'Orchestra del Teatro Mariinsky (il quarto week end, dal 4 al 7 aprile) alla guida del suo leggendario direttore Valery Gergiev con tre capolavori di Stravinsky pensati per i Balletti russi: L'Oiseau de feu, Petrouchka, Le Sacre du printemps.
Il 6 aprile Nuit du Congo, un viaggio artistico e umano articolato in due tappe nell'ambito di un progetto di collaborazione e di scambi culturali tra il Principato di Monte-Carlo e il Congo: l'Orchestra Sinfonica Kimbanguiste e la compagnia di danza Super Mbonda si esibiranno all'Auditorium Rainier III con un programma di musiche e danze tradizionali  congolesi. A giugno alcuni musicisti dell'Orchestre Philharmonique di Monte-Carlo suoneranno nel paese africano.
Domenica 7 aprile la "musica degenerata” vietata dai nazisti (Schönberg, Hindemith, Schreker, Weill) sarà affidata all'Orchestre Philharmonique di Monte-Carlo e al Coro maschile dell'Opera di Nizza.
La manifestazione si chiude il quinto weekend (12-14 aprile) con il Bartók espressionista del Mandarin merveilleuxe e dei Quatre pièces pour orchestre op. 12 e i quattro concerti di musica da camera nell'ambito del Portrait Beethoven. Non mancano, durante la programmazione iniziative dedicate ai giovani, come conferenze, masterclass, performance e incontri con gli artisti in cartellone 2013. Tra le istituzioni coinvolte le scuole di musica e i conservatori del Principato di Monaco e Monte Carlo e della Costa Azzurra.