WEB RADIO

Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Zucchero
 
RMC Marine
 
Radio Bau & Co
 
RMC New Classics
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Pino Daniele
 
Radio Kay Kay
 
RMC Italia
 
rmc
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Coldplay
 
MC2
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Duets
 
RMC Love Songs
 
Radio Festival
 
RMC Hits
 
RMC 90
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Great Artists
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC 80
 

Printemps des Arts 2014

Printemps des Arts 2014

Dal 14 marzo al 13 aprile, tanti concerti e appuntamenti per il Festival che festeggia il suo trentennale

VENERDì 4 APRILE  l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI - ore 20.30, Auditorium Rainier III di Monte-Carlo L'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, diretta da Alexander Vedernikov,  e con il pluripremiato pianista russo  Alexei Volodin esegue "Rêverie op. 24", "Concerto per pianoforte e orchestra in fa diesis minore op. 20" e "Sinfonia n. 3 “Divin poème” in do minore op. 43" di Skrjabin. A preludio del concerto sarà eseguita in prima assoluta una composizione di Bruno Mantovani. Modalità di prenotazione e di acquisto dei biglietti: Festival Printemps des Arts, 12 avenue d’Ostende MC 98000 Monaco,  tel. +377 93255804 www.printempsdesarts.com info@printempsdesarts.com Il Festival Printemps des Arts di Monte Carlo nel 2014 festeggia il suo trentennale e presenta il calendario della nuova edizione. Dal 14 marzo al 13 aprile, tanti sono i concerti e gli appuntamenti prestigiosi, per un Festival nato nel 1984, su iniziativa della Principessa Grace e di Antoine Battaini, ai tempi Direttore degli Affari Culturali nel Principato, e dal 2011 diventato una manifestazione della durata di quattro fine settimana. Nel corso delle sue edizioni, Printemps des Arts ha ospitato nomi eccellenti come quelli di Daniel Barenboïm, Yehudi Menuhin, Montserrat Caballé, Nikita Magaloff, Yo-Yo Ma, Mstislav Rostropovitch, Vladimir Ashkenazy, Anne-Solphie Mutter, Radu Lupu. Senza dimenticare le orchestre: la Philharmonica di Los Angeles diretta da Andre Previn, la Symphonica di Berlino diretta da Riccardo Chailly, la Philharmonica di Londra diretta da Lorin Maazel. E Printemps des Arts ha conquistato anche Parigi. Il 28 gennaio il Festival ha presentato infatti al Teatro degli Champs- Élysées, in avenue Montaigne 15, il concerto dedicato a Beethoven del Maestro François-Frédéric Guy, che eseguirà “Chiaro di luna”, “Pastorale” e “Hammerklavier”. Guarda la gallery  Primo weekend (14-16 marzo): l’edizione 2014 del Printemps des Arts si inaugura con la musica visionaria di Skrjabin e con le sonorità meditative ungheresi. Partecipazione del grande compositore e direttore d’orchestra Peter Eötvös. Printemps des Arts dedica la serata inaugurale, venerdì 14 marzo all’Auditorium Rainier III, al compositore e pianista Alexander Skrjabin. L’Orchestra Filarmonica di Liegi, diretta da Christian Arming, interpreta la “Sinfonia n. 2 in do minore op. 29”. Segue l’ “Adagio per quartetto d’orchestra” (1891) del talentuoso compositore belga Guillaume Lekeu, e il “Concerto in la minore per violino e orchestra op. 82” (1903) del russo Aleksandr Glazounov. Solista al violino Lorenzo Gatto. Preludio del concerto d’apertura la prima esecuzione assoluta del compositore praghese Miroslav Srnka. Questa “prima” e quella del francese Christian Lauba (domenica) fanno parte di un ciclo di 13 nuove brevi opere di 3 minuti commissionate dal festival ad autori europei per l’edizione 2014. “Notte ungherese” sabato con la musica di Ligeti, Eötvös, Kurtag e Kodaly affidata all’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, diretta dal maestro Eötvös. Domenica è la volta di Bartók e Debussy interpretati dal virtuoso francese Philippe Bianconi. Il secondo weekend (20-22 marzo) ha inizio giovedì con gli autori moderni e contemporanei Jodlowski Stockhausen e Sciarrino, nell’interpretazione dell’Ensemble Intercontemporain. Il portrait è dedicato alla musica da camera di Haydn, accostata ad autori del barocco italiano e d’oltralpe. Il terzo weekend (27-30 marzo) vede protagoniste la storica Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli e l’Europa Galante, guidata da Fabio Biondi, nell’opera per marionette in miniatura “Filemone e Bauci di Haydn. A seguire, gli appuntamenti dedicati al Giappone. Nel quarto weekend (2-6 aprile) arriva lo humour, grazie alla performance di clown e musica elettronica “Bibilolo” di Marc Monnet. E ancora Skrjabin con le partiture sinfoniche “Rêverie op. 24”, “Concerto per pianoforte e orchestra in fa diesis minore op. 20” e Sinfonia n. 3 “Divin poème” in do minore op. 43. Il 6 aprile il festival festeggia il suo trentesimo compleanno con una serata di gala che riunisce compositori, musicisti, poeti, studenti che ne hanno scritto la storia. Il quinto e ultimo weekend (10-13 aprile) è dedicato alla musica di Debussy, Ravel e Messiaen interpretati dalla pianista francese Marie Vermeulin; ma spazio anche a Skrjabin, Rubinstein e Rachmaninov (eseguiti dal violoncellista Christian-Pierre La Marca e dal pianista Eric Le Sage), ai quartetti di Haydn e alla giornata marocchina, con artisti esperti conoscitori della tradizione andalusa, berbera e africana. Di prestigio la presenza italiana, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI (4 aprile) e l’Orchestra Europa Galante (27 marzo). Salvatore Sciarrino è presente con “La bocca, i piedi, il suono per 104 sassofoni” (20 marzo), Francesco Filidei con la “Toccata” per pianoforte (6 aprile). A Guido Balestracci, specialista di viola da gamba, e all’ensemble da lui fondato L’Amoroso (22 marzo) è affidata la Nuit barocca. I fratelli Simone e Nicolò Bottasso (accordeon e violino) si esibiscono in uno spettacolo di musica tradizionale da ballo. I concerti e le performance si svolgono in teatri e sale da concerto (Auditorium Rainier III e Sala Garnier dell’Opera, Grimaldi Forum, Théâtre des Variétés) e in spazi non convenzionali come le sale Empire, Beaumarchais e Debussy dell’Hôtel de Paris, il Museo Oceanografico, il Life Club, locale sul mare da poco inaugurato. Il festival si estende anche in Costa Azzurra, ospitato dall'Eglise Saint Michel a La Turbie, dal Château des Terrasses a Cap d’Ail e presso Les Salons de la Rotonde Lenôtre a Beaulieu.
TERZO WEEK-END, 27 - 30 marzo Giovedì 27 marzo Portrait Haydn 2 18.30 Monaco Salon Debussy, Hôtel de Paris Incontro con le opere di Haydn , Jean-François Boukobza musicologo 20.00 Monaco Opera (Salle Garnier) HAYDN Philémon et Baucis opera per marionette Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli Orchestra Europa Galante Fabio Biondi, direzione Ferdinand Von Bothmer e Krystian Adam, tenori Cristiana Arcari e Gemma Bertagnolli, soprani Coproduzione del Printemps des Arts de Monte-Carlo e dell’Opéra di Monte-Carlo  Venerdì 28 marzo Week-end Giappone  Giovani talenti 18.00 Monaco Auditorium Rainier III RAMEAU L’Agaçante, La Livri, La Dauphine, Musette en rondeau , Gigue en rondeau I, L’Égyptienne, Les Sauvages, Le Rappel des oiseaux, La Villageoise, Gigue en rondeau II MANTOVANI 8’20 chrono VUORI L’Heure du loup GLOBOKAR Dialog über Luft Vincent Lhermet, accordéon In collaborazione con il Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris 20.30 Monaco Auditorium Rainier III
I 3 minuti di musica prima del concerto Prima esecuzione assoluta di Frédéric DURIEUX         Commissionata dal Printemps des Arts de Monte-Carlo e SO.GE.DA Constance Ronzatti, violino Askar Ishangaliyev, violoncello Vincent Lhermet, accordéon In collaborazione con il Conservatoire National Supérieur de Musique et de Danse de Paris TAKEMITSU Toward the Sea II November Steps DEBUSSY Suite pour violoncelle et orchestre (arr. Sally Beamish) La Mer Orchestre National de Lyon Eivind Gulberg-Jensen, direzione Anne Gastinel, violoncello Emmanuel Réville, flûte alto Eléonore Euler-Cabantous, arpa Kumiko Shuto, biwa Kifu Mitsuhashi, shakuhachi Sabato 29 marzo 10.00-13.00 Monaco Académie de Musique Rainier lll Master-classe di violoncello con Anne Gastinel 18.30 Monaco Salon Beaumarchais, Hôtel de Paris Incontro con la musica tradizionale giapponese, Véronique Brindeau musicologa 20.00 Monaco Pera (Salle Garnier) Ikebana, art floral japonais  Pavillon d’argent de Kyoto HOSOKAWA Silent Flowers Landscape V Quatuor Diotima Mayumi Miyata, shô Musica tradizionale giapponese Tadashi Tajima, shakuhachi Danza butō  «Paysage lunaire » Nanami Kohshou, danzatore e coreografo Compagnie Danse Sauvage, danzatori Domenica 30 marzo Giornata dedicata alla esplorazione della cultura giapponese 11.00-12.30 Monaco Hôtel de Paris (Salle Empire) Mayumi Miyata, shō Naoko Kikuchi, koto 13.30-17.30 Monaco Hôtel de Paris (Salle Empire) Pensiero zen, cerimonia dell’incenso e del del thé, concerto Pavillon d’argent de Kyoto HOSOKAWA Distant Voices Commissionata dal Printemps des Arts de Monte-Carlo e SO.GE.DA MIURA I Listen to... RAVEL Quatuor à cordes en fa majeur, op. 35 Quatuor Diotima  Il Giappone e i Ballets de Monte-Carlo con "East Shadow", nuova produzione per la Triennale d'art contemporain d'Aichi in Giappone, il 17 e 18 aprile 2014 al Grimaldi Forum alle 20.30. Prezzi dei biglietti variano da 23 a 30 euro con possibilità di abbonamenti a parte o a tutti i concerti; biglietti ridotti per giovani fino ai 25 anni. Entrata gratuita per i bambini fino ai 12 anni.   Modalità di prenotazione e di acquisto dei biglietti: Festival Printemps des Arts, 12 avenue d’Ostende MC 98000 Monaco,  tel. +377 93255804 info@printempsdesarts.com;www.printempsdesarts.com Prezzi dei biglietti: da 23 a 30 euro con possibilità di abbonamenti a parte o a tutti i concerti; biglietti ridotti per giovani fino ai 25 anni. Entrata gratuita per i bambini fino ai 12 anni. Modalità di prenotazione e acquisto dei biglietti: Festival Printemps des Arts, 12 avenue d’Ostende MC 98000 Monaco,  tel. +377 93255804 info@printempsdesarts.com calendario sul sito ufficiale di Printemps des Arts Info biglietti  Printemps des Arts Printemps des Arts è sotto l’Alto Patronato di S.A.S. il Principe Alberto II e di S.A.R. la Principessa di Hanover.  Il calendario del trentennale è  ricco di proposte ed eventi imperdibili. Si va dal ritratto musicale dedicato al grande compositore russo Alexsandr Skrjabin e affidato all’Orchestra Filarmonica Reale di Liegi, che apre il primo week end della manifestazione, il 14 marzo, all’omaggio al grande musicista austriaco Franz Joseph Haydn, del 21 marzo. Non mancano gli appuntamenti dedicati alle culture di altri paesi, con il Week End dedicato al Giappone (28, 29 e 30 marzo), ricco di musica, danza, arte floreale dell’ikebana e naturalmente cerimonia del tè. Il 13 aprile è invece dedicato al Marocco e alla sua affascinante musica tradizionale. È l’Ungheria la protagonista del 15 marzo, con le sue sonorità folk e le composizioni del grande maestro György Ligeti. Non manca la Notte Barocca, il 22 marzo, e la Notte a Sorpresa, il 20 marzo, ormai consuetudine della Printemps des Arts, che nel 2014 incanta con “Induction” di Pierre Jodlowski, “Momente” di Karlheinz Stockausen e “La bocca, i piedi, il suono” di Salvatore Sciarrino. Il 2 aprile è dedicato ai giovani, con rappresentazioni riservate alle scuole e a tutti i ragazzi. I grandi festeggiamenti per i trent’anni della manifestazione sono previsti il 6 aprile, quando alcuni dei più prestigiosi artisti delle precedenti edizioni si ritroveranno nella Salle Garnier per una serata eccezionale. Tra loro, il poeta Charles Pennequin, il quartetto Zemlinsky, The Vegetable Orchestra, il pianista François-Frédéric Guy. Ma tanti sono i concerti, gli appuntamenti e gli incontri di approfondimento culturale.

In Evidenza