WEB RADIO

Music Star Tiziano Ferro
 
Radio Festival
 
MC2
 
Music Star Coldplay
 
Monte Carlo Nights Story
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Zucchero
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Love Songs
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Hits
 
Music Star Giorgia
 
Radio Bau & Co
 
RMC 90
 
rmc
 
RMC 80
 
RMC New Classics
 
RMC Duets
 
RMC Marine
 
RMC Italia
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Great Artists
 

Riparliamone: la lingua ha valore

A Palazzo Medici-Riccardi di Firenze il convegno dedicato al valore e alla diffusione della lingua italiana nel mondo

Riparliamone: la lingua ha valore

Si è svolto martedì 20 ottobre a Palazzo Medici-Riccardi a Firenze il convegno “Riparliamone: la lingua ha valore”, promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, su impulso del Sottosegretario agli Esteri Mario Giro, in collaborazione con il Comune di Firenze. L’evento, in concomitanza con la XV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, ha visto la partecipazione dei Sottosegretari Mario Giro e Gabriele Toccafondi del MIUR, del Sindaco di Firenze Dario Nardella, della Vice Presidente della Regione Toscana Monica Barni, del Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese, Andrea Meloni, e di importanti esponenti del mondo economico ed aziendale.

Il Portale della Lingua Italiana nel mondo

“Riparliamone: la lingua ha valore” rappresenta un’occasione inedita per presentare i primi risultati del processo già avviato lo scorso ottobre con gli Stati Generali della Lingua Italiana. Durante il convegno sono stati infatti presentati i dati sullo stato dell’insegnamento della lingua italiana nel mondo, elaborati secondo i nuovi criteri evidenziati dagli Stati Generali. È così stato possibile conoscere il numero degli studenti e gli aggiornamenti sui progetti in corso nella rete estera (Istituti di Cultura, scuole italiane all’estero, corsi, Università con esempi per aree geografiche). In particolare, il convegno di Firenze ha illustrato il progetto del “Portale della Lingua Italiana nel mondo”; l’inserimento nelle Università estere dei laureati in didattica dell’italiano per stranieri; l’albo degli italofoni; lo sviluppo della certificazione di competenza linguistica; il gruppo di lavoro consultivo per la promozione della cultura e della lingua italiana all’estero; l’aggiornamento e la formazione dei docenti e dei lettori.

La promozione dell'Italiano e il coinvolgimento delle imprese

Tra i temi affrontati, di prioritaria importanza è stato quello che riguarda la promozione dell’Italiano e il coinvolgimento del mondo delle imprese. Si tratta di una realtà che negli ultimi anni si è fatta più evidente e che mette in luce i rapporti sempre più stretti tra lingua italiana e settori produttivi. L’Italiano ha infatti assunto un valore sempre crescente nel campo economico, commerciale e mediatico. L’utilizzo di termini della nostra lingua è sempre più diffuso nelle strategie di comunicazione a livello mondiale, per beni di alta gamma come la moda, le automobili, l’architettura, l’arte, la musica, il design.

Il valore aggiunto del Made in Italy

In questo modo marchi e aziende si assicurano il notevole valore aggiunto evocato dalle parole “Made in Italy”. Un’espressione che esercita un indubbio fascino sul consumatore, sedotto e attratto da prodotti che si richiamano all’estro e alla qualità artigianale italiani. Ed è stato proprio questo rapporto tra cultura e impresa, tra prodotti della creatività e linguaggio che li esprime, uno dei punti focali dell’incontro di Firenze.

In Evidenza