WEB RADIO

RMC Duets
 
RMC Italia
 
MC2
 
Radio Festival
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Zucchero
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Love Songs
 
Music Star Giorgia
 
rmc
 
RMC 90
 
RMC 80
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Marine
 
RMC Great Artists
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC New Classics
 
Music Star Jovanotti
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 

I Defend

Il 16 luglio a Monte Carlo il gala benefico della Robert F. Kennedy Human Rights Europe, l’associazione che lotta per il rispetto dei diritti umani nel mondo

I Defend

È un grande evento di risonanza internazionale quello in programma il 16 luglio al Riva Tunnel (con il co-hosting della Signora Lia Riva) di Monte Carlo: si tratta infatti della serata di gala I Defend, che vuole ricordare 51 anni di battaglie per i diritti civili. Era infatti il 1964 quando negli Stati Uniti il Congresso approvava la prima legge più ampia possibile sui diritti civili della popolazione.

51 anni di battaglie per i diritti civili

Un anno di svolta, rimasto impresso nella memoria del mondo grazie a una serie di fatti epocali: Martin Luther King era insignito del Premio Nobel per la Pace, riconoscimento per la sua battaglia a favore dei cittadini afroamericani; Robert F. Kennedy era eletto al Senato degli Stati Uniti, dando inizio alla sua lotta democratica per la giustizia e l’uguaglianza. E anche l’opinione pubblica abbracciava questi temi, manifestando in loro favore.

Robert F. Kennedy Human Rights Europe

Un’eredità di impegno e democrazia che è viva ancora oggi, grazie all’impegno della Fondazione Robert F. Kennedy Human Rights, impegnata a realizzare il sogno di Robert Kennedy: un mondo in cui pace e giustizia siano obiettivi concretamente raggiungibili. Varie le iniziative in campo per ottenere questo nobile scopo: di queste fa parte la serata benefica “I Defend” organizzata dalla Robert F. Kennedy Human Rights Europe (sezione europea della Fondazione), che l’anno scorso si è svolta a Milano e che quest’anno è in programma a Monte Carlo.

Il Gala "I Defend" 2015 vuole difendere lo straordinario valore dell'etica e dei principi umani, unendolo al bello di quello che l'uomo, nelle arti, ha saputo produrre e dar vita a un evento nel nome dell'orgoglio e della civiltà: un connubio di arte, gastronomia e celebri personalità, pronte a rendere un'occasione di mondanità il vero e proprio simbolo di "I defend".

Il sostegno di S.A.S. il Principe Alberto II

È stata Kerry Kennedy in persona, Presidente della Robert F. Kennedy Human Rights, a chiedere il sostegno di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, proponendo anche un progetto congiunto per la creazione di un programma educativo dedicato agli studenti di Monaco, Italia e Francia. Il Robert F. Kennedy Human Rights Europe persegue infatti tre principali programmi, di cui due sono proprio rivolti all'ambito pedagogico e formativo. Speak Truth To Power insegna a oltre un milione di studenti nel mondo le storie esemplari degli attivisti dei diritti umani, spingendo i giovani ad unirsi al movimento globale in difesa dei diritti basilari di ogni essere umano. Il RFK Training Institute organizza invece corsi di alta formazione per professionisti, su argomenti come la libertà di espressione, la sicurezza digitale e i meccanismi internazionali di protezione dei diritti umani. Il dipartimento di advocacy, Partners for Human Rights, instaura delle collaborazioni sostenibili e strategiche con i vincitori del prestigioso riconoscimento internazionale RFK Human Rights Award, che ogni anno premia attivisti di tutto il mondo che si sono distinti per la promozione della giustizia sociale e il rispetto dei diritti umani nel proprio Paese.

La serata benefica

La serata di gala “I Defend” vede la partecipazione di Mrs Kerry Kennedy con il sostegno di S.A.S il Principe Alberto II, che per l’occasione ha dichiarato: «Ho dato volentieri il mio appoggio all’iniziativa della Fondazione Robert F. Kennedy Human Rights nel Principato di Monaco. La serata permetterà di trovare fondi destinati a condurre numerose attività internazionali, in particolare per la libertà d’espressione dei diritti dei migranti. Invito tutti a manifestare il proprio incoraggiamento alla Fondazione e a sostenerla nella messa in opera dei suoi meritevoli progetti, ringraziando tutte le persone che si sono adoperate per la messa in opera di questo evento”. Tra gli ospiti Frank La Rue (direttore della Robert F. Kennedy Human Rights Europe e già relatore all’ONU per la libertà d’espressione). Master of Ceremonies della serata è il noto giornalista e scrittore statunitense Alan Friedman (Financial Times, Herald Tribune e Wall Street Journal).

L'asta

Dopo l’intervento di Kerry Kennedy, prende il via l'asta, con opere selezionate dalle curatrici Melissa Proietti e Raffaella Caruso. Battitore è François Tajan, Co-President della celebre casa d’aste Artcurial. Dieci i lotti, da scatti del noto fotografo americano Harry Benson, ospite della serata, a un'opera di Michelangelo Pistoletto; ma anche viaggi e week end in località di prestigio e un bracciale Vhernier del valore di 14.000 euro, oltre che pezzi dalle collezioni Tod's, Max Mara, Pucci e Versace. L'asta culmina con la donazione del primo modello della nuova Fiat 500 lanciata il 4 luglio, certificata da John Elkann e personalizzata con interni ed esterni in pelle di Stefano Conticelli.

La cena

A seguire, la cena , ideata per lasciare un ricordo indelebile negli oltre 200 ospiti internazionali, fra stampa e attori hollywoodiani del calibro di Martin Sheen. A crearla, Gualtiero Marchesi, che ha elaborato un menù volto a nobilitare l'eccellenza della gastronomia italiana. «È un onore e una gioia», ha dichiarato il celebre chef «partecipare a un incontro che ha lo scopo di unire arti e diritti civili: pensando che arti e diritti siano insieme indispensabili per costruire, in nome della cultura, un mondo migliore e più bello. Io sostengo l’assoluto rispetto per la materia prima e difendo quindi i doni della natura, condizionati dal microclima. Io sostengo la semplicità e difendo l’importanza della forma che la stessa materia prima suggerisce».

Una nuova consapevolezza del dono

Nel corso della serata è in programma un’asta silenziosa (trenta lotti), attuata tramite dispositivi digitali, per opere ed esperienze che verranno battute direttamente ai tavoli in tempo reale tra gli illustri ospiti. Ad allietare il gala, le musiche di Ilaria della Bidia e le letture delle vite di difensori dei diritti umani estratti da "Speak Truth to Power, Voices beyond the Dark" di Ariel Drofman. Federico Moro, organizzatore di "I Defend Gala", sintetizza così i nobili scopi della serata: «I Defend Gala si pone l'obiettivo di unire l'eccellenza del cibo, dell'arte e del design con la promozione di una nuova consapevolezza del dono e dell'investimento legato ad un Impatto Sociale Misurabile come risultato delle proprie attività. L'obiettivo di "I Defend Gala" è di portare all'attenzione pubblica le storie di persone, organizzazioni e aziende che operano per ottenere qualcosa di concreto in favore di sconosciuti, delle proprie comunità o dell'ambiente, con un impatto misurabile. "I Defend Gala" premierà ogni anno coloro che a livello internazionale hanno dimostrato di agire per il bene pubblico e i cui risultati abbiamo dato vita ad un Impatto Sociale Misurabile».

Visita il sito della Robert F. Kennedy Human Rights Europe

In Evidenza