Assassin's Creed Syndacate

Assassin's Creed Syndacate

07/12/2015

Avventure sotto l'albero.

Assassin’s Creed Syndicate: una storia da vivere.

Voglio consigliare a chi si cimenta con il mondo dei videogiochi per la prima volta il fascino di un titolo assolutamente imperdibile: Assassin’s Creed Syndicate (Xbox One, Play Station 4 e Windows).

Un gioco che è un romanzo. C’è molto infatti da leggere e anche se i giocatori più “frettolosi” non perderanno tempo a scorrere tutti i contenuti scritti che si trovano durante lo svolgersi del gioco, quelli più attenti non si vorranno perdere i frammenti di storia sparpagliati in giro per la città.

In Assassin’s Creed Syndicate imparerete a conoscere la Londra Vittoriana (e un pochino anche quella di Winston Churchil durante la Seconda Guerra Mondiale) con tutti i suoi pregi e i suoi (molti) difetti.

Dai bambini costretti a lavorare, alle forti differenze di classe. Imparerete a conoscere la storia di Londra e dei suoi magnifici monumenti. Incontrerete Charles Darwin, Charles Dickens, Alexander Graham Bell e addirittura Karl Marx. Ognuno vi aiuterà nella vostra impresa: liberare Londra dal potere di Crawford Starrick, un Templare che sta per impadronirsi della città.

Per farlo dovrete costituire una gang, combattere, spiare, rubare e cercare di avere la meglio su chi vi vuole morto a tutti i costi.

La bellezza del gioco sta nella cura dei dettagli, dall’impressione che avrete di essere veramente all’interno della città di Londra.

I creatori di Ubisoft sono riusciti davvero nell’impresa, tanto da spingere la professoressa Francesca Orestano (cattedra in letteratura inglese all’Università degli Studi di Milano) ad appassionarsi del titolo e a parlarne in una lezione aperta a studenti e giornalisti.

Assassin’s Creed Syndicate è un’avventura che vi sorprenderà sotto molti aspetti e che se avrete voglia di approfondire vi arricchirà sotto molti punti di vista.

Giocare per credere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1500

Stefano Gallarini

Stefano Gallarini

Per cinque anni copywriter alla RSCG, l'agenzia pubblicitaria che in Italia aveva come Direttore Creativo Marco Mignani, il creatore di “Milano da Bere”, è diventato poi direttore e ideatore delle testate più importanti del mondo dei videogiochi come ZZap! e The Games Machine.

Grande appassionato di tecnologia, illusionismo e musica, è stato il primo giornalista/conduttore italiano a portare i videogiochi e il mondo dei social in radio e in televisione.
Scrive e conduce per Italia 7 e Odeon TV “USA Today”, un programma dove si parla di sport, cinema e videogiochi e nel 1992 approda a Italia Uno come conduttore e autore di Unomania ai quali seguono Mitico!, Smile, Village, Planet e Fuego. Proprio Planet e Village ricevono rispettivamente una menzione speciale del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi e il Premio "Penne Pulite".
Passa poi al canale satellitare MT Channel dove scrive e conduce due trasmissioni; una sui videogiochi, Gamet e una sulla tecnologia, E-Side.

Dal 2014 è conduttore su Radio Monte Carlo, forte di una consolidata esperienza maturata nel corso del suo cammino radiofonico, e che lo ha visto anche protagonista nel ruolo di autore di format e giochi per varie emittenti.

Calendario dei post