Illusione ottica

04/12/2015

La verità? Solo un'illusione.

Ecco come vi dimostro che senza premesse non esiste verità.

Il mondo corre sempre più in fretta. Tutto è veloce, velocissimo... fin troppo. Tutto è così veloce che si perdono i dettagli, le premesse, la storia, e senza i dettagli ogni cosa si uniforma e tutto diventa uguale.

Pensate a una discussione fra amici su un tema di attualità. Qualunque.

Se le informazioni che abbiamo sono superficiali, se non conosciamo i dettagli di una vicenda, qualunque opinione rappresenterà una sorta di "verità", anche quando si tratta di opinioni diametralmente opposte.

Per dimostrarlo ho pensato di proporvi un'illusione ottica molto popolare ma anche molto affascinante.

Osservate la ballerina che sta eseguendo una pirouette e notate il senso in cui gira.

Orario o antiorario?

Qualcuno la vede girare in un modo e qualcun altro in modo inverso.

Ma chi ha ragione? Dove sta la verità?

La cosa incredibile è che chi vede la ballerina girare in un senso poco dopo la vede girare nel senso opposto!

Aiuto! Chi ha ragione?

Nessuno. Anzi, hanno ragione tutti.

In questa illusione ottica creata nel 2003 dal web designer Nobuyuki Kayahara, mancano gli indizi che permettono all'osservatore di determinare la profondità della figura. In questo modo mancando le premesse, non è possibile stabilire la verità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1500

Stefano Gallarini

Stefano Gallarini

Per cinque anni copywriter alla RSCG, l'agenzia pubblicitaria che in Italia aveva come Direttore Creativo Marco Mignani, il creatore di “Milano da Bere”, è diventato poi direttore e ideatore delle testate più importanti del mondo dei videogiochi come ZZap! e The Games Machine.

Grande appassionato di tecnologia, illusionismo e musica, è stato il primo giornalista/conduttore italiano a portare i videogiochi e il mondo dei social in radio e in televisione.
Scrive e conduce per Italia 7 e Odeon TV “USA Today”, un programma dove si parla di sport, cinema e videogiochi e nel 1992 approda a Italia Uno come conduttore e autore di Unomania ai quali seguono Mitico!, Smile, Village, Planet e Fuego. Proprio Planet e Village ricevono rispettivamente una menzione speciale del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi e il Premio "Penne Pulite".
Passa poi al canale satellitare MT Channel dove scrive e conduce due trasmissioni; una sui videogiochi, Gamet e una sulla tecnologia, E-Side.

Dal 2014 è conduttore su Radio Monte Carlo, forte di una consolidata esperienza maturata nel corso del suo cammino radiofonico, e che lo ha visto anche protagonista nel ruolo di autore di format e giochi per varie emittenti.

Calendario dei post