Morrissey contro William e Kate

Morrissey contro William e Kate

Morrissey

«Tutti noi sappiamo che le Malvine sono argentine, perciò per favore non incolpate il popolo britannico perché noi sappiamo che le Falkland appartengono a voi». Con queste parole Morrissey, attualmente in tour in Sudamerica, ha scatenato l'applauso del pubblico al concerto degli Smiths a Cordoba, in Argentina, la settimana scorsa. Nonostante le critiche arrivate al cantante su Twitter da parte di adirati cittadini inglesi che gli consigliavano di ripassare la storia della guerra fra Inghilterra e Argentina causata da queste isole contese, l'exploit si è ripetuto a Buenos Aires. Durante lo show (al quale erano presenti 15.000 persone) il musicista cinquantaduenne ha voluto una bandiera argentina ed è stato raggiunto sul palco dai membri della sua band. Tutti indossavano una t-shirt con lo slogan "Odiamo William e Kate” e la foto delle nozze della giovane coppia principesca. Le dichiarazioni di Morrissey arrivano a meno di un mese dal trentennale della guerra tra Gran Bretagna e Argentina. E sale la tensione tra i due paesi, in seguito alla decisione britannica di inviare per sei settimane il principe William nelle Falkland per una serie di esercitazioni aeree della Royal Air Force. L'Argentina continua a reclamare, anche se inascoltata, la sovranità sulle isole contese e per questo alla fine di febbraio ha vietato l'ingresso al porto di Ushuaia a due navi britanniche. Inoltre il governo di Buenos Aires ha minacciato un pesante embargo sulle merci provenienti dal Regno Unito.

Now on air