WEB RADIO

Radio Festival
 
Xmas Radio
 
Music Star Jovanotti
 
Radio Monte Carlo FM
 
Music Star Giorgia
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Hits
 
RMC 90
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Coldplay
 
RMC Italia
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Love Songs
 
RMC New Classics
 
Music Star Zucchero
 
rmc
 
RMC Great Artists
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Duets
 
Music Star Pino Daniele
 
Radio Kay Kay
 
RMC 80
 
MC2
 
RMC Marine
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 

Tom Jones: volevo essere James Bond

Tom Jones: volevo essere James Bond
Tom Jones

I più giovani lo conoscono per il tormentone "Sex Bomb”, realizzato con il dj francese Mousse T, ma i suoi più grandi successi risalgono all'inizio degli anni Sessanta. Il più noto è il tema della colonna sonora di "Agente 007 Missione Thunderball. Nessuno sino a oggi sapeva però che Tom Jones, proprio nel periodo in cui registrava questo brano, era anche in ballottaggio con Sean Connery per interpretare James Bond. Jones lo ha rivelato in una recente intervista al sito britannico Radio Times, spiegando di essere stato scartato perché troppo famoso. «Ero stato preso in considerazione per il ruolo di James Bond, ma sembra che il produttore abbia detto che ero troppo noto perché la gente mi considerasse credibile in quel ruolo». Jones, oggi settantunenne, non può però lamentarsi. Nel corso della sua lunga carriera come cantante può vantare infatti ben trentasei hit nella top 40 britannica e diciannove in quella statunitense, senza contare il cameo nel film del 1996 "Mars attacks!” di Tim Burton, che l'ha visto recitare al fianco di star come Jack Nicholson, Danny De Vito e Glenn Close. Senza rimpianti e ancora fiducioso, Jones ha spiegato: «Cantare è il mio primo amore e non sono un attore frustrato, ma mi domando se sarei in grado di interpretare un ruolo a parte quello di me stesso come in "Mars attacks!”. Non ho in vista altri progetti che riguardano il cinema, ma se mi arriverà qualche proposta potrei provarci. Penso di essere abbastanza bravo. Be', almeno mi hanno detto che lo sono».