WEB RADIO

Music Star Tiziano Ferro
 
Xmas Radio
 
Music Star Pino Daniele
 
MC2
 
Monte Carlo Nights Story
 
rmc
 
RMC 90
 
RMC Love Songs
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Duets
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Giorgia
 
RMC Great Artists
 
RMC Hits
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Coldplay
 
RMC Italia
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Festival
 
RMC Marine
 
RMC New Classics
 
Radio Kay Kay
 
RMC 80
 

Il segreto del successo? Un algoritmo

Il segreto del successo? Un algoritmo
Algoritmo

Più che il ritmo, può… l'algoritmo! Dev'essere stato in base a questa convinzione che la casa discografica Emi ha commissionato a uno staff di scienziati un'approfondita ricerca per scovare quel quid (misurabile in astrazioni matematiche) che fa amare alla follia (o no) un brano. L'etichetta, che può vantare tra gli artisti messi sotto contratto star del calibro di Coldplay e Kylie Minogue, ha deciso di voler vedere più chiaro negli oscuri meccanismi che regolano il gusto del pubblico (e di conseguenza le vendite). Come riporta il quotidiano britannico The Independent, sabato 21 luglio,125 esperti (dell'organizzazione no profit Data Science London) si sono riuniti in un edificio del centro di Londra per una maratona di ricerca. A ciascuno di loro è stato fornito il risultato di una capillare analisi condotta dalla Emi su un milione di persone, in 25 paesi del mondo. A ciascun soggetto era stato chiesto di esprimere un'opinione su una serie di artisti Emi di cui si erano appena ascoltate delle canzoni. L'intervista durava tre ore, tanto per far capire quanto le domande fossero approfondite. Questi dati, che tengono conto dell'età, dei gusti, del consumo di musica (a pagamento o gratuita) e della localizzazione geografica degli intervistati, devono ora essere tradotti in un algoritmo matematico, da applicare alle nuove canzoni per capire il successo che ciascuna di esse potrà avere. A supervisionare il progetto è il capo delle analisi vendite della Emi, David Boyle, che aveva già dato prova della sua abilità contribuendo a elaborare i dati per la campagna elettorale del presidente Obama nel 2008. Resta da vedere, una volta scoperto l'algoritmo, come reagiranno i musicisti legati alla casa discografica, che dovranno "piegare” la loro arte ai risultati della ricerca. «È difficile accettare commenti negativi» ha dichiarato al proposito Boyle «ma ci sono grandi artisti che hanno deciso do continuare a lavorare con noi proprio per queste analisi sui gusti del consumatore». Boyle rassicura anche chi ha una visione romantica della musica, affermando che le statistiche non sostituiranno il classico fiuto del talent scout. Ma «vendere musica ha a che fare con la persuasione e con il marketing, e noi vogliamo scoprire cosa fa sì che una canzone piaccia – o no- a un ascoltatore».

corriere